Piano per le famiglie: via libera dalla Giunta

Penati: “Aiutiamo il ceto medio a non crollare. Un invito a tutti gli enti locali a rivedere le priorità di intervento”

Via libera della Giunta provinciale alla proposta presentata dal presidente Penati di un grande piano di welfare da 25 milioni di euro per sostenere, con contributi fino a 1500 euro, circa 25mila famiglie dell’area metropolitana milanese.

La decisione presa oggi dalla Giunta di Palazzo Isimbardi conferma l’entità complessiva degli stanziamenti, parte dei quali verranno reperiti già dal bilancio 2008. Il passaggio in Giunta rappresenta il primo passo verso la definizione operativa del piano, che mercoledì approderà in Commissione consiliare per un lavoro di approfondimento e condivisione con tutte le forze di maggioranza e opposizione.

La proposta della Giunta prevede una serie di interventi articolati su tre assi: aiuti alle famiglie per contrastare il rischio delle nuove povertà; incentivi alle imprese per l’assunzione dei lavoratori deboli, come over 45, giovani minori di 25 anni in cerca di primo impiego e coloro che non riescono a rientrare nel mercato del lavoro; e azioni di sostegno per far fronte alle povertà estreme, attraverso un bando rivolto ad associazioni e onlus che già operano sul territorio.

“Stiamo lavorando – commenta il presidente della Provincia di Milano Filippo Penati – sui criteri più efficaci per sostenere quel ceto medio che nell’area metropolitana milanese sta scomparendo, su quelle migliaia di famiglie che scivolano sull’orlo della povertà. Daremo la priorità alle famiglie monoreddituali, mononucleari, di pensionati o alle famiglie numerose, che non sono più in grado di sostenere alcune spese come quelle per l’abitare, quelle per la retta universitaria o dei nidi dei figli, o le spese quotidiane, anche attraverso l’azione di gruppi d’acquisto”.

“Sarà molto importante – conclude Penati – la collaborazione di tutti i Comuni della provincia, perché possano accelerare l’erogazione dei contributi segnalando le fasce di maggiore bisogno. Oltre a dare un aiuto concreto alle famiglie, con questa iniziativa la Provincia di Milano vuole dare un segnale, un esempio a tutte le amministrazioni locali, perché, ognuno secondo le proprie possibilità, si risponda tempestivamente a questa congiuntura economica rivedendo le priorità di intervento secondo i bisogni emergenti che oggi coinvolgono migliaia di famiglie”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.