Piazza Trento e Trieste: “Rotatoria o no, cambiate quel progetto”

Prosegue il battibecco a distanza Porfidio-Speroni: al centro ora e sempre la futura destinazione del monumento ai caduti

Riceviamo e pubblichiamo 

C’è da rimanere esterrefatti nel rileggere il breve comunicato dell’On. Speroni sul sito di VareseNews allorché egli sostiene che nella P.zza Trento e Trieste di Busto ( luogo destinato ad accogliere il tanto discusso monumento ai Caduti da rimuovere da p.zza Vitt. Emanuele) non v’è alcuna rotonda! D’accordo che in politica non si ragioni con la logica della matematica, ma arrivare a negare l’evidenza ce ne passa . . ! L’aiuola posta al centro di quella piazza nella quale confluiscono diverse vie con obbligo di svolta a dx con un percorso a senso unico a rotatoria, come vorrebbe definirla altrimenti l’On Speroni? L’assunto di considerare un’unica strada a doppia carreggiata, inframmezzata dall’aiuola, quelle di via Mazzini e via Crespi, è del tutto infondato in quanto, così posto il problema, porterebbe a negare l’esistenza stessa di tutte le rotatorie insieme alla loro utilissima funzione di automatizzare le precedenze senza il ricorso agli apparecchi semaforici. Probabilmente l’On. Speroni non conosce bene quel punto, ma su quella piazza confluiscono ben altre strade oltre alla via Mazzini e Crespi, tutte ugualmente asservite da quella rotatoria con benèfici effetti sulla fluidificazione del traffico. Una sua eventuale eliminazione sarebbe soltanto irresponsabile! Inoltre, non corrisponde al vero che tutte le vie in affaccio su quella piazza dispongano dello “stop”; ciò vale per la sola via C.Correnti! Credo che bene faccia l’On. Speroni e tutta la Giunta comunale a rivedere per tempo quel progetto che andrà a stravolgere la viabilità in quella zona con pesanti ripercussioni sul traffico e sull’ambiente. Spero che i cittadini di Busto comprendano fino in fondo quali ripercussioni stanno per pagare, anche come conseguenza diretta e indiretta dell’iniziale progetto insensato voluto da questa Amministrazione comunale di stravolgere la centrale piazza Vittorio Emanuele II attraverso la costruzione del silos di autovetture e la rimozione conseguente del Monumento ai Caduti. Possibile che questa Giunta non prenda a cuore una volta tanto gli interessi dei suoi cittadini?

Busto Arsizio, 13 ottobre 2008

Audio Porfidio

Consigliere Comunale del Movimento de’

“La Voce della Città”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.