Piccole imprese nella tenaglia della crisi

Davvero drammatica la situazione che emerge dall'analisi congiunturale relativa al terzo trimestre.

Dire pessima è poco. La situazione che emerge dall’analisi congiunturale relativa al 3° trimestre 2008 – luglio/settembre – sui dati provenienti da Unioncamere Lombardia elaborati dall’Associazione Artigiani della Provincia di Varese è davvero drammatica.
Persino i  prezzi delle materie prime, dato che peraltro concorre a peggiorare la situazione, è un dato in salita: la produzione è diminuita rispetto al 3° trimestre del 2007 del 7,88% e rispetto al trimestre passato addirittura di più: – 8,05%.
Tutte le tipologie dimensionali dell’artigianato sono in sofferenza, in particolare le imprese intermedie (6-9 addetti) con un – 9,16%. Le riduzioni di personale sono avvenute in tutte le imprese, indipendentemente dalle dimensioni. L’occupazione accusa una flessione intorno all’1,97%.
Il fatturato diminuisce rispetto al trimestre precedente del 10,04 per cento; così anche la componente estera, che occupa il 6,62% del fatturato totale. I beni, sia quelli finali sia quelli intermedi e di investimento mostrano decrementi in media del 7%.
Il tasso d’utilizzo degli impianti è diminuito rispetto alla precedente rilevazione e si attesta intorno al 56,48%.
Gli ordinativi acquisiti nel trimestre registrano un calo preoccupante, pari al 9,01 per cento: e in particolare crollano gli ordini interni (-8,47%).
Sul piano occupazionale si mostrano in difficoltà soprattutto le imprese minori (3-5 addetti) con un -3,67%. A livello settoriale sono positivi solo i minerali non metalliferi (4,35%).
Per questo l’utilizzo delle procedure Elba a sostegno del reddito (una specie di cassa integrazione mutualistica per le imprese artigianali) è ulteriormente aumentato. Il settore con maggiori difficoltà si conferma quello del tessile/abbigliamento artigiano. Le CIGS e le procedure ELBA sono passate da 30 a 41. Aumentano in particolare nella meccanica, plastica e settore orafo.
Rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, tutti i settori presentano un calo produttivo. Unico comparto di segno positivo è la carta con + 1,98 per cento.

E le previsioni sul quarto trimestre 2008, secondo le indicazioni fornite dagli imprenditori, sono orientate decisamente al pessimismo: la produzione dovrebbe diminuire (-15%), la domanda interna dovrebbe essere sempre in pesante flessione (-21,04%) e così anche quella estera (-20%).
Sul fronte occupazionale le previsioni sono abbastanza negative (- 3,8%). Rispetto alle precedenti previsioni, però, è in flessione la percentuale degli imprenditori che prevedono decrementi produttivi (38,6%), mentre sale quella di coloro che dichiarano incrementi (23,7%) e stabilità (37,8%).

«In questo momento storico – dichiara Marino Bergamaschi, direttore generale dell’Associazione Artigiani della Provincia di Varese – la competitività delle imprese non può che essere sostenuta da un accesso ancor più facile ai finanziamenti. I canali del credito si stanno assottigliando e ciò significa che alle imprese ne verrà concessa una fetta sempre più piccola. L’Associazione Artigiani della Provincia di Varese, con il suo Artigianfidi e Confartigianato Lombardia, ha presentato alla Regione Lombardia un piano di “Misure per il contenimento degli effetti della crisi finanziaria sull’artigianato e le mpi”. Si è proposto a Formigoni di intervenire e sostenere un fondo che si pone l’obiettivo di favorire la crescita economica attraverso canali di finanziamento che mettano gli imprenditori “al riparo” dalla crisi dell’interbancario. Artigianfidi, quindi, punta a costruire un meccanismo finanziario che non dimentichi le potenzialità di una collaborazione tra pubblico e privato basata sui principi della sussidiarietà: dove non arriva il privato dovrà intervenire il pubblico. Ma se il pubblico non è in grado di agire, lasciamo al privato la facoltà di decidere e operare secondo i criteri del buon senso. Per la competitività e lo sviluppo delle nostre imprese».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.