Prove di coordinamento tra studenti contro la Gelmini

Rappresentanti di alcuni istituti superiori di Busto e Gallarate si sono ritrovati in aula magna per discutere delle iniziative di protesta contro i tagli

Ci hanno provato ieri sera martedì 28 ottobre, attorno alle 18,30 nell’aula magna del liceo Candiani, un gruppo di studenti delle scuole superiori di Busto Arsizio e Gallarate, insieme a esponenti dei collettivi, dell’università Liuc, genitori e professori a creare un coordinamento per organizzare iniziative contro il decreto Gelmini e contro la legge 133. I ragazzi si sono confrontati sia sui contenuti della riforma sia sul che fare. Sono state vagliate le possibilità di manifestare un dissenso che ormai sta svegliando le coscienze di molti, anche di chi non si è mai appassionato alla politica.

I tagli contenuti nella riforma fanno paura a tutti e in particolar modo a chi, nella scuola, ci dovrà passare ancora molti anni. L’occupazione della sede di piazza Trento e Trieste del liceo artistico è stata propedeutica all’apertura del dibattito e la manifestazione a Gallarate il naturale prosieguo della protesta. Ora gli studenti dovranno trovare un modo per tenere alta l’attenzione anche se la riforma Gelmini è già stata approvata in Senato.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.