Residenze Sanitarie Assistenziali: un Master studia il Management del settore

Alla LIUC è stata avviata la prima edizione del Ma.R.S.A.

Dal costante monitoraggio delle modalità di gestione delle strutture socio sanitarie del territorio, è nato il Ma.R.S.A., nuovo Master della LIUC dedicato al Management delle Residenze Sanitarie Assistenziali, organizzato in collaborazione con ANSDIPP – l’Associazione dei Manager del Sociale e sotto il patrocinio di UNEBA (Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale)
Presenti alla giornata inaugurale, il Rettore Prof. Andrea Taroni, il Direttore Scientifico del Master Antonio Sebastiano, il Direttore CREMS (Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità) Davide Croce, il Presidente Nazionale ANSDIPP Damiano Mantovani ed il Presidente UNEBA della Provincia di Varese Marco Petrillo.
Gli iscritti al Master sono 41 (di cui 16 in qualità di uditori): si tratta di Direttori Generali, Direttori Sanitari ed altri soggetti ricoprenti cariche dirigenziali e di coordinamento provenienti da RSA dislocate in tutta Italia.
Il Master, unico nel panorama italiano, testimonia il forte interesse del CREMS – Centro di Ricerca in Economia e Management in Sanità, anche per il settore socio-sanitario ed in particolare per il mondo delle RSA; nel gennaio 2006 presso il Centro è stato istituito un Osservatorio Settoriale sulle RSA afferenti al territorio varesino e dell’alto milanese, che conta su altri quattro enti fondatori: la Provincia di Varese, la Provincia di Milano, l’ASL della Provincia di Varese e l’ASL della Provincia di Milano n. 1. Oltre all’Osservatorio, il Centro ha realizzato numerosi progetti formativi rivolti a ruoli apicali delle RSA in diverse Regioni italiane, così come sono state condotte numerose attività di ricerca-intervento su tematiche manageriali afferenti al medesimo contesto.
L’idea di offrire ai manager delle RSA un percorso di studio specialistico ed altamente strutturato, è quindi nata dal patrimonio conoscitivo maturato dal CREMS in tali esperienze e dal costante contatto con eterogenei interlocutori di rilievo del settore socio-sanitario, ma anche alla luce della crescente complessità tecnica, organizzativa e gestionale che i vertici delle RSA sono oggigiorno chiamati a governare nell’esercizio dei rispettivi ruoli.
Il Master nasce con il preciso intento di consolidare nei partecipanti le basi concettuali e metodologiche di quelle expertise acquisite direttamente sul campo senza la possibilità di avere solidi e pregressi costrutti teorici di riferimento ed intende costituire anche un “momento di pensiero e riflessione” in cui, lontano dalla routine lavorativa, esperienze e patrimoni culturali differenti possano essere condivisi e confrontati, alla ricerca di un arricchimento personale e professionale di tutti i partecipanti.
Il corso, della durata complessiva di 360 ore d’aula, per un totale di 60 Crediti Formativi Universitari legalmente riconosciuti, si articola su di un orizzonte temporale di natura biennale, così da offrire ai numerosi iscritti la possibilità di conciliare l’attività d’aula con i propri impegni lavorativi e professionali. La faculty del Master, che vede l’impegno congiunto del mondo accademico e di quello professionale, è stata pensata per favorire un approccio didattico altamente interattivo ed orientato al problem solving.
L’elevato numero di adesioni pervenute, anche dopo la chiusura della graduatoria, evidenzia la possibilità di promuovere una seconda edizione del Master già entro la fine del 2009.
Il Master va ad ampliare la già ricca offerta formativa del CREMS, che prevede numerosi altri Master, sia di primo livello, come il Master per Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie (giunto alla decima edizione) ed il Master in Clinical Risk Management, sia di secondo livello, come il Master in Economia e gestione delle aziende sanitarie ed il Master in Clinical Governance per la Medicina Interna.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.