Si torna indietro: maestro unico e tagli alla scuola

Approvato alla Camera il maxiemendamento sul pacchetto di riforme volute dal inistro Gelmini. Tra un mese il voto al Senato. Forti proteste dall'opposizione e dagli insegnanti

Con 321 favorevoli, 255 contrari e due astenuti, la Camera ha approvato il pacchetto Gelmini sulla scuola.  Entro il 31 ottobre il testo dovrà essere convertito in legge anche dal Senato .
Molte le novità. Quella più clamorosa, su cui si dibatte da giorni, è il ritorno del maestro unico. A questo, che di fatto smantella tutta l’esperienza degli ultimi decenni, si aggiungono una serie di provvedimenti di carattere economico e comportamentale. Ci sarà il blocco del turn over per i prossimi tre anni. Verrà reintrodotto l’obbligo del grembiule, i voti in decimi e quello in condotta.
Gli insegnanti, per coprire il tempo pieno, dovranno lavorare un numero maggiore di ore che verranno retribuite dalle singole scuole.

Sulla possibilità di bocciare il decreto afferma che "nella scuola primaria i docenti con decisione assunta all’unanimità, possono non ammettere l’alunno alla classe successiva solo in casi eccezionali e comprovati da specifica motivazione". Alle medie sarà necessaria "una decisione assunta a maggioranza dal consiglio di classe" e si dovrà tenere conto anche di "disturbi specifici di apprendimento e della disabilità".

Il testo completo

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.