Sindacato soddisfatto per la nuova caserma della Polaria

Il segretario provinciale del Silp Giorgio Saporiti e il segretario provinciale Siap Francesco Cianci intervengono sulle questioni logistiche dell'aeroporto

Il segretario provinciale del Silp Giorgio Saporiti e il segretario provinciale del Siap Francesco Cianci intervengono sulla questione caserme e logistica dell’aeroporto. «La fase preparatoria è conclusa e abbiamo potuto trovare nuova conferma anche della disponibilità del Ministero dell’Interno a farsi carico della metà della spesa occorrente, considerando che l’impegno economico maggiore sarà necessario nella fase iniziale dei lavori. Continuando nel serio e costante impegno che ha visto queste due sigle sindacali protagoniste nell’azione di raggiungimento del risultato della costruzione di una nuova caserma per la Polizia a Malpensa, a termine di una recente ricognizione, presso i canali istituzionali di alto livello, malgrado risultino ancora mancare delle autorizzazioni, sono giunti segnali confortanti. Nel corso di questi incontri si è segnalata l’urgenza di vedere considerate le necessità strategiche della Polizia di Stato nel contesto aeroportuale, e, considerando che questi aspetti cono stati a lungo tempo trascurati, ci riteniamo confortati dal fatto che le procedure di avvio dei lavori avranno inizio nei primi mesi del 2009 e saranno rivolte alle necessarie demolizioni e all’azione di bonifica dell’area dove oggi ha sede l’attuale Caserma. Si è inoltre fermamente sottolineata l’esigenza di garantire spazi adeguati ad alloggiare gli operatori impiegati in aeroporto (attualmente disseminati nell’interland aeroportuale), e questo comporterebbe non solo la possibilità di un loro immediato intervento in caso di emergenza, ma anche un ingente risparmio di spesa, che potrà consentire di autofinanziare il progetto, in modo che possa andare ben oltre gli attuali ingombri e volumi. Insomma, per realizzare un’opera che sia all’altezza delle esigenze».
«A fronte di notizie così positive dal contesto ministeriale, si registra invece come restino del tutto irrisolte – anzi sono venute ad aggravarsi, a causa di scelte infelici – molte questioni logistiche all’interno dell’aeroporto, rispetto alle quali, da oltre un anno, aspettiamo delle risposte dalla Dirigenza locale della Polaria riguardo a quell’ottimizzazione logistica ed operativa, che consentirebbe di risparmiare uomini e risorse».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.