Stadio e tivù per la diretta delle partite, Zoppo detta le sue priorità

Il patron dei Tigrotti getta il velo sui progetti futuri:«La gente comincia a seguirci con grandi numeri. La politica non sia divisa, lo stadio serve»

Giuseppe Zoppo non ha dubbi e va dritto come un treno: «Depositerò in Comune la prima bozza di progetto per il nuovo stadio e presto le partite in trasferta dei tigrotti in televisione». Con il crescere dell’attenzione nei confronti della squadra cresce anche la fretta del presidente biancoblù che sta mettendo alle strette l’amministrazione comunale. «Non riesco a capire i segnali della politica – racconta dopo la conferenza stampa di giovedì scorso – alcuni si, tanti no. Io voglio far giocare i ragazzi in uno stadio nuovo e serve un centro sportivo di livello per gli allenamenti. Se fosse possibile già dall’anno prossimo».

Il presidente non ha paura dell’immenso impegno che potrebbe trovarsi sulle sue spalle. Il nuovo stadio è un investimento da milioni di euro e, per ora, Zoppo non fa nomi di soci potenziali: «Per il momento non ce ne sono ma al momento giusto salteranno fuori. Ma ora è tempo di pensare al Novara». Dopo la incredibile partita persa a Cremona, che arriva dopo 6 vittorie consecutive, il presidente guarda al prossimo impegno come a dire «solo con i risultati sul campo si può sperare di portarsi dietro anche la politica  e far capire che lo stadio nuovo serve».

Ma come sarà questo nuovo stadio? All’inglese, con le tribune vicine al campo e i servizi annessi e connessi come gallerie di negozi e spazi di vario genere. Lo stadio, inoltre, avrà anche alcuni campi da allenamento per risolvere il problema annoso dello Speroni che costringe la squadra ad allenarsi fuori città. Sull’area i dubbi non sono pochi: «Inizialmente ci è stata indicata come area adatta quella attorno al PalaYamamay ma pare che non sia tanto adatta – conclude Zoppo – ora attendiamo di capire se verrà confermata quella o si dovrà trovare un altro posto». E c’è già chi teme una Pro Patria che non giocherà a Busto se lo stadio non decollerà.
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.