Teatro Giuditta Pasta, bilancio in attivo per la prima volta

Il presidente del teatro comunale Sergio Giacometti: “In una anno 57 mila presenze con spettacoli con prosa, cabaret, danza, ragazzi e adesso anche l’opera”. A novembre la nuova stagione con già 11 mila abbonamenti

“Per la prima volta chiudiamo con un bilancio in attivo”. È soddisfatto Sergio Giacometti, presenti del Teatro di Saronno Giuditta Pasta che tra circa un mese inaugura la nuova stagione con all’attivo, già 11 mila abbonamenti. “È una situazione che mette sereni – commenta -, soprattutto se si considera che soltanto tre anni fa, quando sono diventato presidente, c’era un buco da 200 mila euro che ogni anno è stato ripianato dal Comune. Oggi questo non è più necessario”.

Il successo del Teatro di Saronno, infatti, è tra i più frequentati d’Italia: 57 mila presenze la passata stagione, il nono teatro in Italia escludendo i capoluoghi di provincia, il 60esimo considerando anche i capoluoghi. “È un grosso successo che conferma l’impegno di questi anni – prosegue soddisfatto Giacometti -. Siamo tra i più frequentati teatri d’Italia. Il tutto senza abbandonare la qualità delle opere rappresentate, anzi aumentandola con i prossimi ospiti come Gassman, Laurito, e molti altri che fino a qualche anno fa non volevano venire in un teatro di provincia a fare quattro rappresentazioni, come invece accade oggi”.

Numerose le novità anche per la prossima stagione che, oltre alla prosa, al teatro per ragazzi, alla danza, apre da quest’anno anche all’opera, con una rappresentazione d’opera della Madama Butterfly, in programma per la prossima primavera.
Il Teatro di Saronno spa è quasi interamente di proprietà del Comune, per il 97 per cento, per il resto di privati che hanno aderito all’azionariato popolare di qualche anno fa. Per la prima volta, inoltre, quest’anno il Teatro ha anche sponsorizzato una gara sportiva. “Saremo sempre alla ricerca di sponsor – aggiunge il presidente -, ma è interessante vedere come si possa anche sostenere altre iniziative quando le cose vanno bene, nonostante la crisi che è in atto: significa che la nostra proposta è di qualità e piace molto”.

“Tre anni fa, considerata la situazione e le grosse perdite di bilancio – conclude Giacometti – nessuno voleva fare il presidente. Io ho accettato questa sfida e oggi sono soddisfatto di come si sono sviluppate le cose, grazie anche all’impegno di tutti i lavoratori. Oltre all’opera, stiamo anche valutando altre nuove proposte come un concerto con 20 o 30 elementi, ma andiamo con calma e cominciamo a goderci la nuova stagione che sta per iniziare”.

 

Tutta la stagione del teatro è consultabile sul sito: www.teatrogiudittapasta.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.