Truffa dei resti fasulli, preso insospettabile 72enne

Operazione della Polizia locale identifica due persone: compravano oggetti di poco valore, pagavano con banconote di grosso taglio e creavano poi mandavano in confusione il negoziante per il resto

Truffano i commercianti e uscivano dal negozio senza problemi. Il titolare del negozio si accorgeva solo in seguito di essere stato imbrogliato con un complicato e veloce giro di resti, dovuto a piccoli acquisti pagati con banconote di grosso taglio. Se poi dall’altra parte del bancone c’è un distinto uomo di 72 anni, accompagnato da un compiacente giovanotto, tutto risulto ancora più curioso.

È quanto hanno ricostruito gli agenti della Polizia Locale di Uboldo, guidati dal comandante Pietro Cucumile, a cui si erano rivolti alcuni esercenti del paese dopo essere rimasti truffati dalla insospettabile coppia. Sono così partite le intense ricerche che hanno portato a identificare i responsabili della vicenda, un uomo di 72 anni di origine calabre, e il suo “assistente” dalle generalità ancora da identificare.

L’indagine ha così ricostruito l’operato dei due truffatori, dopo aver sentito numerosi testimoni. I due si presentavano all’interno degli esercizi commerciali e, spalleggiandosi, dopo aver acquistato prodotti di poco valore con banconote di grosso taglio, riuscivano ad appropriarsi dei soldi degli ignari commercianti a seguito di richieste di cambi di banconote, il tutto in rapida successione e con abilità e destrezza collaudata. Non è da escludere, secondo la Polizia Locale, che la truffa abbia avuto un contesto più ampio di quello del comune di Uboldo dove i due si sono recati "in trasferta". I truffatori sono stati consegnati alla competente autorità giudiziaria e accusati di truffa. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.