“Un centro di documentazione per Palazzo Visconti”

I socialisti propongono di creare una raccolta di archivi storici d’impresa, ma anche biblioteca, sala conferenze, un punto di lettura/emeroteca aperto ai cittadini, caffè-ristorante

“Palazzo Visconti e la caserma dei vigili del fuoco possono rappresentare, se correttamente riutilizzati, una grande occasione per far rinascere il centro cittadino”. Giuseppe Nigro dei Socialisti di Saronno torna a fare proposte sul futuro del palazzo più antico della città, di cui entro fine anno dovrebbero terminare i primi interventi di messa in sicurezza della struttura dopo l’incendio del settembre 2007.
“Mi permetto di ricordare – dichiara Nigro – di aver sostenuto da tempo che si localizzasse nel centro cittadino una funzione di interesse subregionale, territoriale, legata ad importanti enti culturali e formativi. Il palazzo e la caserma dei vigili del fuoco possono diventare, sede per la valorizzazione di importanti istituzioni per la tutela di particolari beni culturali quali possono essere gli archivi d’impresa. Per non essere generici, penso ad un centro di documentazione che assolva al compito di tutela e valorizzazione del patrimonio archivistico delle imprese lombarde, almeno dell’Alto Milanese  e tenga viva la memoria della tradizione industriale del territorio.  Il coinvolgimento di Regione Lombardia, delle università e della provincia delle associazioni imprenditoriali è indispensabile per realizzare un recupero complesso ed economicamente impegnativo come quello degli edifici in questione”.

“Un centro di documentazione (archivio, biblioteca, sala conferenze, un punto di lettura/emeroteca aperto ai cittadini, caffè-ristorante), uno spazio espositivo e altri servizi a corredo – prosegue Nigro -. Ciò che proponiamo è un fatto complesso, un’impresa contraddistinta da tecnologie moderne, sussidi ipertestuali e di linkaggi tematici in rete per operare con sistemi multimediali di lettura e documentazione di percorsi conoscitivi, costruzione di mostre virtuali sui temi inerenti il centro. Un’idea che va al di là del locale è indispensabile per coinvolgere soggetti che possano contribuire ad integrare le limitate risorse di cui la città dispone per investimenti in opere rilevanti come quella descritta”. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.