Un fine settimana per riscoprire la piazza e i negozi cittadini

Tante le iniziative che animeranno le piazze delle frazioni per il 4° Weekend del commercio Samaratese.

Tempi di crisi, anche per i commercianti, soprattutto per quelli che animano ancora le piazza delle città e dei paesi, quelli che hanno tenuto duro nonostante la concorrenza (di prezzi e, per così dire, di glamour) delle piazze artificiali dei centri commerciali. A Samarate la risposta corale e concordata con l’Amministrazione si chiama Weekend del Commercio Samaratese, appuntamento giunto alla 4° edizione.«Una iniziativa importante non solo per il risvolto commerciale, ma anche perché è un momento di socialità importante» ha spiegato il sindaco Vittorio Solanti, intervenuto insieme ai commercianti per presentare l’edizione 2008.

 Tante le iniziative che animeranno e valorizzeranno le piazze dei centri storici:  a San Macario “pane in piazza”, aperitivo musicale (alle ore 11.00) con il Duo “Volver” della Samarate Music Academy, cucina della tradizione locale e altre attività nel pomeriggio; a verghera spettacolo di saltimbanchi e giochi per bambini nel piazzale del So.Co.Mar. In tutte le piazze, compresa quella di Samarate, si terranno esibizioni di tango e musica classica a cura della Samarate Music Academy e della Scuola della Fondazione Montevecchio, oltre che di laboratori per bambini.

Nella stessa giornata poi ci saranno anche l’iniziativa di solidarietà al piazzale “I Portici” e il palio di Cascina Sopra, organizzato dal locale Comitato. E se non bastasse, tornano anche i superpedalatori delle randonnèe, con un raduno (con ritrovo a Cascina Costa alle 7.00) che chiuderà la stagione delle sfide solitarie sulle lunghe distanze: previsti tre percorsi di 200, 100 e 50 chilometri che si snoderanno in buona parte lungo strade locali e sulle alzaie del Naviglio Grande.

 «Un weekend – chiarisce il sindaco Vittorio Solanti – non risolve certo i problemi dei commercianti, però aiuta a riscoprire i negozi di paese». Un modo anche per riscoprire le piazze come luogo di incontro e di svago, spesso dimenticate anche dagli stessi samaratesi. Le statistiche elaborate qualche anno fa dicono infatti che l’80% dei samaratesi esce dal Comune per fare spese, dirigendosi prevalentemente verso Gallarate e Busto Arsizio. «Samarate sarà l’unico comune di sedicimila abitanti senza centro commerciale, ma questo significa che su seimila famiglie, cinquemila escono in macchina nel weekend per andare a far spese» conclude il sindaco. La riscoperta dei negozi e delle iniziative locali ha quindi anche un risvolto ambientale e di qualità di vita: «Spesso ci si muove per centinaia di chilometri (spendendo in benzinae)per andare alla ricerca di piccole iniziative che si possono vedere anche a due passi da casa, magari muovendosi a piedi o in bicicletta» aggiunge Alberto Pedotti del Comitato di cascina Sopra, che organizza il Palio di San Macario. Mentre riscoprire i negozi di vicinato vuol dire apprezzare la qualità e l’affidabilità data dal contatto con un negoziante di fiducia. «E poi – conclude Giovanna D’Amore, che ha un negozio di abbigliamento a Verghera – è un momento divertente anche peri commercianti: noi eravamo ambulanti ed è bello tornare ad esporre in strada, ritrovandosi in mezzo agli altri».

 

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.