Vertice in Regione Ferrazzi-organizzazioni agricole

Confronto a tutto campo sui temi principali del settore

«Istituzioni e  mondo  agricolo  lombardi si muoveranno con una “posizione lombarda”,  decisa  ed  univoca.  Lavoreremo  in  sinergia  sulle tematiche strategiche e sensibili  per  la  Lombardia, per arrivare alle trattative ministeriali e comunitarie con una voce sola, che  sostenga i reali interessi e le istanze del nostro territorio». 

Queste  le  parole di Luca Daniel Ferrazzi, assessore all’Agricoltura della Regione  Lombardia, a seguito dell’incontro avuto ieri con i rappresentanti delle Organizzazioni   Professionali agricole lombarde, Nino Andana (Coldiretti),  Francesco Bettoni (Confagricoltura), Mario Lanzi (CIA), nel quale ha  ribadito la linea di impegno e rigore dell’amministrazione regionale sui temi e i problemi di maggior interesse per l’agricoltura lombarda,  tra quali in particolare la direttiva nitrati, la situazione del comparto lattiero caseario, e la gestione delle risorse idriche. 

«Le  situazioni  complesse  che interessano il nostro sistema agricolo – ha aggiunto Ferrazzi – potranno essere affrontate al meglio solo facendo gioco di  squadra.  L’impegno  di  tutti  e il pieno rispetto delle regole, senza eccezioni,  sono  condizioni  fondamentali per  permettere all’agricoltura lombarda di rafforzare il suo ruolo di leader nel Paese.  In  materia  di  nitrati    ha  spiegato  Ferrazzi – alla scadenza del 30 settembre risultano   avviati   circa   22.000  procedimenti.  Una  forte testimonianza  dell’attenzione  delle  aziende  agricole  al rispetto delle disposizioni   del   programma   d’azione   regionale,  nonostante  la  sua complessità.  Per  questo – prosegue Ferrazzi – abbiamo avviato un percorso formativo  rivolto  ai  funzionari  delle  province,  delle  organizzazioni professionali,   di  Arpa,  Ersaf,  aral/apa,  agronomi,  periti  agrari  e agrotecnici, con lo scopo di perfezionare la loro competenza per l’utilizzo del sistema informatico. Nel complesso fino ad ora sono state già coinvolte oltre 200 persone». 

Durante  l’incontro  si  è  parlato  anche  di  quote latte, di legge 119 e accordo  interprofessionale  sul  prezzo  del  latte. «L’impegno di Regione Lombardia      ha   aggiunto  l’assessore    si  basa  sui  valori  della responsabilità  e  della  legalità,  ritenuti  le  garanzie migliori per la correttezza  dell’intera  filiera, dai produttori in regola ai  consumatori, nel  nome  della  trasparenza  del  sistema e sulla sicurezza e qualità del prodotto.  Riguardo  al  prezzo del latte – prosegue Ferrazzi – confermo la mia  disponibilità  a  svolgere  un  ruolo  di mediazione istituzionale nel momento   in   cui   si  riaprirà  la  trattativa.  Regione  Lombardia  può accompagnare  questo  dialogo nella filiera finalizzando al meglio i propri strumenti  di  intervento  se  collegati  ad accordi di filiera: penso alle risorse  derivanti  dall’applicazione  del  Programma  di Sviluppo Rurale e soprattutto ai progetti concordati». 

«Un  incontro  positivo – ha continuato Ferrazzi – che conferma il rapporto di  proficua  collaborazione  tra  Regione  Lombardia  e  le Organizzazione Professionali  lombarde  degli  agricoltori,  nella  volontà comune di fare sistema  per  affrontare  le  criticità  e le sfide sulle quali si gioca il futuro e la competitività della nostra agricoltura. In  vista  del prossimo Expo – ha concluso Ferrazzi – dobbiamo presentarci all’appuntamento  giocando  tutte  le  nostre  carte vincenti in termini di potenzialità,   puntando   sulle   caratteristiche  salienti  della  nostra agricoltura  che  sa  coniugare,  con  giusto  equilibrio,  la  modernità e l’efficienza  tipica dei lombardi con il rispetto per la tradizione, per la storia, per l’ambiente».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 ottobre 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.