Apre la Biennale: l’arte dal mondo si racconta a Venezia

Tra le partecipazioni, Massimo Bartolini che a settembre sarà alla Gam di Gallarate

Gillo Dorfles nel suo bilancio sulla 53esima Biennale d’Arte di Venezia lamenta l’assenza della pittura e il mutare in meglio di tutta l’organizzazione espositiva con il ripristino del padiglione Italia al Giardino delle Vergini, e il palazzo delle Esposizioni ai Giardini. Come da copione, le scelte, gli artisti, le opere dividono e non è semplice districarsi tra i numerosi protagonisti che rappresentano il mondo, e non solo in senso metaforico, dell’arte. Il numero delle adesioni internazionali cresce con debutti degni di segnalazione come gli Emirati Arabi Uniti e Unione delle Comore, nazione insulare dell’Africa Orientale.
La Biennale si Venezia ha aperto i battenti tra lustrini e onorificenze offrendo ancora una volta spunti di riflessione da mettersi in tasca e portare a casa. Più curata negli allestimenti e complessivamente interessante per le opere esposte ha già raggiunto il suo primo record registrando nel primo giorno di apertura 4.776 visitatori paganti. Segno che l’arte non è morta, anzi è vivissima, e che le opere a volte curiose, a volte provocatorie o semplicemente poetiche fanno ancora parte di noi.
Il direttore Daniel Birnbaum ha scelto come tema dominante “Fare mondi. Making worlds” un tema non solo estetico ma che vuole coinvolgere la sfera politica e sociale. Per questo ha chiamato per il Padiglione Italia novanta artisti da tutto il mondo senza fare distinzione tra mostri sacri e giovani promettenti con tante cose da dire. Così le ragnatele dell’argentino Tomas Saraceno si alternano ai lavori dell’architetto Gordon Matta-Clark, Gilbert&Giorge a Yoko Hono, che insieme a John Baldessari riceverà il Leone alla carriera. Tra gli italiani Massimo Bartolini rivisita lo spazio in funzione di laboratorio didattico e workshop. Dopo il progetto per la Biennale l’artista sarà impegnato alla Gam di Gallarate all’interno del progetto Twister
Divide il Padiglione Italia con gli artisti scelti dalla doppia Beatrice, Luca e Buscaroli, che vede la. prima biennale per Cingolani e omaggio al maestro Cascella.
A sbaragliare ogni concorrenza vince il Leone d’Oro per la migliore Partecipazione Nazionale il padiglione degli Stati Uniti d’America che ha presentato l’opera di Bruce Nauman: Topological Gardens. Una partecipazione molto attesa che nei giorni di previe w ha sempre registrato lunghe attese per la visita.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 giugno 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.