A Milano, il Mondiale di calcio tra senzatetto

Ha preso il via il campionatoe che vede coinvolte 48 nazioni per 480 giocatori, ospitati nella Caserma Mameli

Milano fa squadra e scende in campo per la Homeless World Cup, il campionato mondiale di street soccer dei senza dimora. Da ieri, domenica 6 settembre, al 13 settembre, 480 giocatori di 48 nazioni si contenderanno all’Arena Civica Gianni Brera il trofeo simbolo dello sport come opportunità di recupero sociale. Dopo mesi di preparazione Milano ha dato il via alla manifestazione, grazie al contributo di enti, associazioni, società e volontari che hanno lavorato, raccogliendo l’invito della Homeless World Cup Foundation.
Comune di Milano, Ministero della Difesa e Croce Rossa Italiana, Provincia di Milano e Regione Lombardia, Amsa e Metropolitana Milanese, le società di Inter e Milan, assieme a molti altri, hanno dato il loro contributo e supporto alla manifestazione, condividendone messaggio e finalità.
 
I giocatori saranno ospitati con i loro accompagnatori nella Caserma Mameli del 3° Reggimento Bersaglieri di viale Suzzani. Lì una cinquantina di volontari della Croce Rossa Italiana hanno allestito un villaggio, oramai da tutti chiamato il “borgo”, con 35 tende pneumatiche climatizzate di ultima generazione, spazi comuni, bar e una grande area coperta per le attività ricreative, oltre alla mensa e servizi vari. Altri volontari col supporto di un’ambulanza, saranno presenti e presteranno assistenza all’Arena Civica in occasione dello svolgimento delle partite.
 
All’interno del “borgo” il Comune ha provveduto a fornire docce, impianti tecnologici e servizio di pulizia. Sempre il Comune fornirà ai senza dimora i pasti serali e la prima colazione e il servizio di bike sharing per i volontari della Homeless

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.