Abbattuto l’ulivo della pace dedicato a Impastato

Dopo la manifestazione in difesa dell'intitolazione della biblioteca all'eroe antimafia, tolta dal sindaco leghista, ignoti hanno abbattuto l'ulivo piantato dopo il corteo

Abbattuto da ignoti l’ulivo della pace dedicato a Peppino Impastato nel giardino della bocciofila del paese di Ponteranica. Il paesino in provincia di Bergamo, 6755 abitanti a pochi chilometri da Bergamo, continua a dividersi sulla figura di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia nel 1978 a Cinisi (Pa) per la sua attività di denuncia contro i clan malavitosi e al quale era stata dedicata la biblioteca del Comune. Tutto è iniziato con la decisione del sindaco leghista Cristiano Aldegani di togliere la targa di intitolazione posizionata all’interno della biblioteca per cambiare l’intitolazione e dedicare l’edificio a don Giancarlo Baggi, personaggio locale morto dieci anni fa. A seguito della decisione alcuni cittadini, contrari a questa decisione, hanno riaffisso una targa simbolica di carta e hanno organizzato una manifestazione che, ieri 26 settembre, ha radunato nel piccolo paese migliaia di persone a difesa della figura di Impastato e per la re-intitolazione del luogo pubblico, infine l’episodio di vandalismo a sfondo politico con l’abbattimento dell’ulivo. La vicenda legata all’intitolazione della biblioteca, dunque, continua a far discutere e a creare tensioni nel paese anche se la manifestazione è stata pacifica e non si sono registrati momenti di frizione. Il caso ha avuto una forte eco anche in provincia di Varese dove il consigliere comunale di Rifondazione Comunista Antonio Corrado ha chiesto all’amministrazione di intitolare la sala consiliare del Comune di Busto Arsizio all’eroe antimafia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.