Al macero migliaia di libri della biblioteca

Approvata dal comune la distruzione di 2.500 libri. Più di 12 mila “eliminati” negli ultimi anni. Dal Comune: “Operazione normale, patrimonio inalienabile”

Oltre 2.500 libri al macero. Non saranno regalati, non saranno venduti. Saranno distrutti. Il commissario prefettizio, Giuliana Longhi, ha approvato la proposta della biblioteca, che viene presentata ed effettuata ogni anno, per l’eliminazione di volutimi “particolarmente deteriorati”. Per la precisione per il 2009 saranno distrutti 2.633 libri soprattutto del settore ragazzi, del magazzino e degli scaffali a vista. «I classici di ciascuna materia – si legge nella relazione della biblioteca – e i libri particolarmente richiesti, verranno eliminati solo se in cattivo stato e dopo aver acquistato una copia nuova».
Secondo la delibera approvata dal commissario, l’eliminazione fisica dei libri è prevista dai principi e dalle linee guida stabiliti da organismi internazionali come Unisco e Fla (International Federation of Library Association). «Tali organismi internazionali – spiega la delibera – affermano la necessità per le biblioteche pubbliche di mettere a disposizione della propria utenza libri costantemente aggiornati e che considerano lo scarto attività normale e dovuta di un buon servizio di pubblica lettura».
Non è il primo anno che viene attuata questa pratica di distruzione dei volumi. Negli ultimi dieci anni la biblioteca di Saronno ha provveduto a distruggere più di 12 mila volumi. Il record è stato nel 2001 e nel 2004 con 3.500 libri circa. Nel 2002 “soltanto” 800.

Sull’impossibilità di poter fare altro con questi libri è la stessa delibera comunale firmata dal commissario che spiega: «Il patrimonio libraio delle biblioteche comunali è soggetto al regime di demanio pubblico e in quanto tale è inalienabile».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.