An: “La pure verità sulla crisi politica vergiatese”

Il presidente del circolo Giovanni Gentile e consigliere comunale aennino Paolo Tolu replica alle accuse del coordinatore cittadino del Pdl Giuseppe Mazzitelli

Il presidente del circolo Giovanni Gentile e consigliere comunale aennino Paolo Tolu replica alle accuse del coordinatore cittadino del Pdl Giuseppe Mazzitelli
 
Riceviamo e pubblichiamo
 
Nella seduta consiliare del 23 settembre l’amministrazione comunale Maffioli, per la seconda volta in un anno, si è ritrovata senza maggioranza. Di fronte ad una situazione di questo genere il Sindaco, anziché fare autocritica ed ascoltare tutti gli esponenti della coalizione, per ricercare le motivazioni politiche che stanno alla base dei dissensi, non trova di meglio che affidare ad un presunto coordinatore locale del PDL la licenza di accuse gratuite e la libertà di sparare a zero su tutti quelli che non piegano la testa e non alzano la manina per votare le scelte scellerate di una amministrazione che ha tradito il mandato affidatole dalla cittadinanza.
 
Una prima puntualizzazione!
 
Chi è questa persona che si arroga il titolo di coordinatore del PDL di Vergiate? Forse, quello stesso signor Mazzitelli che viene citato in uno degli articoli apparso sul medesimo comunicato? In quale fantomatico congresso questo egregio signore è stato eletto coordinatore del PDL, dal momento che non c’è stato alcun riscontro in tal senso? Forse ha ricevuto tale nomina da qualche spirito divino? Ebbene, dal momento che nulla di tutto ciò si è verificato, questa persona, sempre che non sia stata rimossa anche dall’incarico che ha ricoperto fino a qualche mese fa, resta un semplice coordinatore locale della fu Forza Italia. Un dato è certo: il tavolo provinciale del neo costituito PDL non ha nominato ancora nessun coordinatore locale.
 
I motivi reali per cui quattro componenti della ex maggioranza hanno ritenuto di non approvare le variazioni di bilancio e la conseguente verifica sono da ricercare nelle scelte unilaterali effettuate da una ristretta oligarchia, che si incontra fuori dalle sedi istituzionali stipulando accordi che non coinvolgono l’intera maggioranza.
Nell’accordo che aveva previsto il rientro in maggioranza degli esponenti della ex A.N., erano previste una serie di iniziative che sono state puntualmente disattese. Nell’articolo apparso su un numero del periodico comunale di Vergiate, successivo all’accordo, sul periodico comunale a firma congiunta Tolu e Ribolzi (allora capogruppo di maggioranza) era stata messa ben in evidenza la linea politica della ricostituita maggioranza: meno circenses (feste e manifestazioni varie) ma più panem (servizi e lavori pubblici utili alla popolazione), considerato il momento di crisi economica attuale.
Risultato. A fronte di minori entrate (duecentomila euro), non si vanno a ridurre i contributi per le feste e le manifestazioni, ma si vanno a mettere in forse le spese per il ripristino del laboratorio informatico della locale Scuola Media e a decurtare i fondi relativi ai capitoli dei servizi e lavori pubblici. E cosa dire del mancato   rispetto della revisione del programma di mandato e del mancato insediamento del C.d.A. della Società Patrimoniale Omnia Ver che continua ad essere amministrata a distanza (Emilia Romagna) da una sola persona che non conosce il paese?
A questo punto ci chiediamo: chi amministra realmente la Società Patrimoniale? Per coprire queste verità, cosa fa il presunto coordinatore del PDL? Fa ricorso alle solite fandonie e alla solita litania: la colpa è di “una frangia della maggioranza che probabilmente è più interessata a poltrone che a far bene per il paese”. Da quale pulpito viene la predica!
A proposito di poltrone, di cui questa persona è maestro, riveliamo qualcosa di non vero se diciamo che il signor Mazzitelli qualche mese fa è stato nominato”direttore tecnico” del consorzio della discarica, del quale incarico sarebbe opportuno rendere pubblici i lauti compensi?
Riveliamo ancora qualcosa di non vero se diciamo che contemporaneamente, a fronte del suddetto incarico, i “puri e duri” della Lega hanno fatto nominare due componenti (non vergiatesi!) del c.d.a. del consorzio discarica, che fanno capo al loro partito? Tutto questo senza che la componente di A.N./P.D.L ne fosse stata informata.
A conclusione, ci rivolgiamo ai cittadini vergiatesi invitandoli a valutare attentamente questi fatti e queste persone. Nel contempo invitiamo i cittadini vergiatesi a stare molto attenti nel vigilare perché “qualcuno” paventando la possibilità che si debba mettere le mani nelle loro tasche, per le spese di bonifica della discarica, avrebbe già preso in considerazione la possibilità di riaprirla e bruciarvi sostanze che potrebbero risultare inquinanti e altamente pericolose per la salute dei cittadini.
 
Ma di questo, parleremo in un prossimo articolo, perché è ora di finirla! 
 
Il Presidente del Circolo “Giovanni Gentile” A.N./PDLdi Vergiate
Paolo Tolu

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.