Andrea Vecchio si accasa al Bassano

Il calciatore, bandiera della pro Patria, era stato "scaricato" in scadenza di contratto dopo un grave infortunio riportato in un derby. Per lui si erano mobilitati su Facebook i tifosi

Si è conclusa l’odissea di Andrea Vecchio: il calciatore, che a dispetto del cognome ha solo 26 anni, ha finalmente trovato una nuova "casa" calcistica: a Bassano del Grappa, per la precisione, con la Virtus, che gioca in seconda divisione, la vecchia serie C2. Una lunga riabilitazione gli ha permesso di tornare a correre, giocare e lottare come ha sempre amato fare. Infortunatosi gravemente il 30 marzo 2008 nel derby perso in casa con il Legnano, quando era in scadenza di contratto, era stato poi svincolato dalla società, la cui maglia vestiva da quando aveva 14 anni. Per lui si era avviata una commovente mobilitazione via Facebook, tanto che era stato nominato dai più accesi tifosi della curva come "capitano onorario" fuori rosa di una squadra pressochè interamente ricostruita nell’estate 2008. Quella che poi, senza di lui, avrebbe fatto palpitare i cuori biancoblu fino all’infarto conclusivo della sventurata partita casalinga con il Padova.

Chiusa felicemente l’amara parentesi che ha messo a rischio la carriera di questo giovane cui tutit augurano di trovare la piena maturità sportiva nella sua nuova squadra, è mission accomplished, in un certo senso, anche per Lele Magni & Co. che hanno seguito con affetto le peripezie di Andrea. Il gruppo su Facebook che lo invocava come capitano ha cambiato nome, come lui ha cambiato maglia. Ora Vecchio è "un calciatore vecchio stampo, un ragazzo d’altri tempi". Ed è un complimento, se si tiene conto che l’Italia è il paese dai calciatori più girovaghi d’Europa. Lui certo i colori biancoblu non li dimenticherà. E ai tifosi dello Speroni piacerà ricordarlo come nella foto qui sopra.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.