Archeologia industriale in Valle: foto dal passato

Una interessante mostra di scorci caratteristici delle ex "cattedrali del lavoro", dal 4 al 24 ottobre ogni fine settimana presso il Sacro Cuore di Solbiate Olona

"Il tempo scorre nella fabbrica ritrovata. L’archeologia industriale in Valle Olona, Italia, Europa" è il titolo della mostra che dal 4 al 24 ottobre, sotto la direzione artistica di Gaetano Oliva, si terràpresso la Chiesa Sacro Cuore di P.zza B. Gabardi a Solbiate Olona, con ingresso gratuito,ogni sabato e domenica dalle 9,30 alle 12,30. "Espongono" i fotografi Alessandro Boldini, Diego Boldini, Maria Bryzhko, Andrea Carbone, Roberto Conte, Dania Gennai, Federica Macchi, Franco Monari, Stefano Perego, Davide Prato, Riccardo Romeo, Alessandra Santarelli, Sarah Elise Sartore, Gilly Sephira, Roberto Venegoni.

Luoghi mastodontici proliferanti di vita, di lavoro e di lotta sono divenuti invisibili cimeli di una storia che rischia di scomparire: dove un tempo tutto era caos e rumore, ora rimane solo il silenzio ad annullare la percezione del tempo. 90 fotografie scattate da esploratori urbani, provenienti dalla Valle Olona, dall’Italia e dall’Europa, ritraggono luoghi abbandonati e dismessi, inghiottiti dalla natura: sono soprattutto fabbriche, ma ci sono anche case, alberghi, ospedali.
La manifestazione, si inserisce all’interno della seconda edizione del Festival della Valle Olona, evento creato sulla necessità di costruire una politica di educazione all’ambiente attraverso l’arte e i linguaggi espressivi, al fine di riappropriarsi della cultura territoriale della Valle e ridare senso alle proprie tradizioni e radici.
La mostra sarà documentata dall’uscita di un catalogo, realizzato anche grazie al contributo di Banca Intesa-San Paolo, che oltre alla riproduzione di tutte le fotografie conterrà anche testi e saggi: tra gli autori spiccano i nomi di Gaetano Oliva, direttore artistico del Festival, Andrea Rondini e Giovanna Rosso Del Brenna, docenti rispettivamente di Sociologia della Letteratura presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore e di Archeologia degli Insediamenti Industriali presso l’Università degli Studi di Genova.
Inoltre il 24 ottobre, giorno di chiusura della rassegna, a mostra ancora allestita, alle ore 17,00, sarà possibile assistere allo spettacolo “L’acqua di tutti” che vedrà la collaborazione del Conservatorio G. Verdi di Como e del CRT Teatro-Educazione di Fagnano Olona.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.