Beni culturali tra pubblico e privato: il caso del Museo di Laveno

Una Tavola Rotonda promossa dal Ministero per i beni culturali parlerà di “Patrimonio, attività e prospettive future”

L’incontro di sabato 26 settembre dalle ore 15.30 alle 17.30 approfondirà il caso del Comune di Laveno e del Museo di Cerro, esempio rappresentativo della collaborazione e delle problematiche che nel campo dei beni culturali possono coinvolgere pubblico e privato: nel caso specifico la Richard Ginori e il Comune, con la Soprintendenza, la Regione Lombardia, le Università.




Si illustreranno da parte dei relatori Ercole Ielmini, Sindaco di Laveno Mombello; Francesca Debolini, Soprintendenza per i Beni Storico Artistici della Lombardia occidentale; Emma Zanella, Direttore del MIDeC; Alessandra Civai, Conservatore del MIDeC; Paolo Gasparoli, Politecnico di Milano le vicende che coinvolgono soggetti pubblici e privati e il caso specifico del Museo Internazionale Design Ceramico.

La tavola rotonda è promossa dal MIBAC, Ministero per i Beni e le Attività Culturali in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio 2009.

A seguire l’inaugurazione della mostra Fuori Registro. Attitudini concettuali della ceramica italiana.

Il MIDeC di Cerro di Laveno Mombello.
Patrimonio, attività e prospettive future
MIDeC Museo Internazionale Design Ceramico
Cerro di Laveno Mombello VA, Lungolago Perabo’ 5 
Sabato 26 settembre 2009 ore 15.30
a cura di Francesca Debolini, Emma Zanella
Partecipano: Ercole Ielmini, Sindaco di Laveno Mombello; Francesca Debolini, Soprintendenza per i Beni Storico Artistici della Lombardia occidentale; Emma Zanella, Direttore del MIDeC; Alessandra Civai, Conservatore del MIDeC; Paolo Gasparoli, Politecnico di Milano
Ingresso Libero




di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.