Cantiere insicuro, tre denunce

La Direzione Provinciale del Lavoro di Varese lo ha posto sotto sequestro per gravi violazioni del Testo Unico sulla sicurezza. Ben 13 le violazioni riscontrate





I controlli da parte dell’Ispettorato della sicurezza sul lavoro continuano a svelare cantieri insicuri. L’ultimo passato al setaccio dalla Direzione Provinciale del Lavoro di Varese, unitamente ai Militari del Nucleo Carabinieri per la tutela del Lavoro dipendenti dalla medesima aveva un valore dei lavori in appalto di 3.500.000 di euro. Il cantiere edile è situato in via Marsala a Busto Arsizio ed è stato individuato in base ad un’accurata attività di intelligence sul territorio.

I risultati dei controlli hanno evidenziato una situazione di estrema pericolosità per la violazione delle più elementari norme di sicurezza, tale da esporre a gravi rischi per l’incolumità dei lavoratori e determinare il sequestro dell’intera area cantiere, concordato con l’autorità giudiziaria. Sono state contestate, inoltre, 13 violazioni – tutte di carattere penale – del Testo Unico in materia di sicurezza.. Ciò che risulta decisamente allarmante è la mancanza di dispositivi di sicurezza, quali ad esempio cinture di sicurezza, eccetera, e fatto ancor più grave la possibile caduta dall’alto da circa 8 metri, in quanto gli operai si muovevano su ponteggi vistosamente oscillanti, che non risultavano efficacemente ancorati alla costruzione ed erano stati montati in modo artigianale.

Al termine dell’intervento sono stati deferiti all’autorità giudiziaria tre soggetti di cui due datori di lavoro ed un professionista in qualità di addetto al cantiere per la ditta esecutrice principale in seguito alle gravi violazioni in materia di sicurezza. E’ stata inoltre disposta per una delle ditte la sospensione dell’attività imprenditoriale ai sensi dell’art.14 del Decreto Legislativo 81/08 per la presenza di lavoratori in nero in misura pari o superiore al 20% del totale dei lavoratori occupati, con conseguenti sanzioni amministrative e contestazioni per evasioni contributive Inps e premi Inail.




di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.