“Con questo stipendio dovrei fare la spesa ma non ce la facciamo”

Il racconto di un tecnico di radiologia che riprende il dibattito sulle retribuzioni nella sanità pubblica sollevato alcuni giorni fa da una lettrice

busta paga"Mi chiamo Picciocchi Danilo, dal 1 Gennaio del 1980 assunto all’Ospedale di circolo di Varese inizialmente come Infermiere Ausiliario Specializzato ed in seguito come Tecnico di Radiologia Medica, Vi allego il mio stipendio (qui a fianco solo la parte iniziale del prospetto della busta paga), tenendo conto che lavoro in sala operatoria di ortopedia e quindi soggetto a reperibilità (euro 29,66 Lorde, al netto bisogna togliere il 30%) ciò significa che possiamo essere chiamati da una ad infinite volte (di notte, domenica, natale, capodanno ecc.ecc.) ma sempre 29,66 prendiamo…"
Inizia così una delicata lettera che torna sul tema degli stipendi dei dirigenti della sanità pubblica.
Un contributo che va però oltre una mera analisi di quel settore e che tocca altre due questioni: come si fa ad arrivare alla fine del mese e quanto conta il merito per arrivare a ricoprire alcune posizioni.
La lettera di Picchioni continua così raccontando "inoltre che per problemi di salute mia moglie dal 2007 non percepisce stipendio, per cui il mio è l’unico reddito. Dal mio stipendio si deve togliere 700 euro al mese che si paga per il mutuo della casa, poi ci sono le bollette (luce, acqua, gas, telefono). Con questo stipendio dovrei, dico dovrei forse fare la spesa ma non ce la facciamo. Ditemi Voi. Purtroppo per far carriera o per guadagnare qualche soldino bisogna far parte di qualche schieramento politico, appartenere a Comunione Liberazione o essere Testimoni di Geova o essere Universitari… Approfondite questo tema anzichè stilare classifiche su chi guadagna di più, ma piuttosto chiedersi o vedere il perchè guadagnano così e cosa fanno per guadagnare così e a discapito di cosa si guadagna così?"

Per completezza dell’informazione, lo stipendio netto di settembre del dottor Picchioni, come risulta dalla sua busta paga allegata è di 1.415 euro e comprende molte indennità e trattenute anche personali oltre a quelle fiscali e previdenziali.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.