Dopo l’assemblea pubblica il Pgt torna in consiglio comunale

È il momento dell’esame delle osservazioni e l’approvazione definitiva degli atti di un Piano di governo del territorio profondamente rivisto dalla nuova Amministrazione comunale






Stasera, venerdì 25 settembre, il nuovo Piano di Governo del Territorio (PGT) di Castano Primo verrà sottoposto al Consiglio comunale per l’adozione, previa discussione delle oltre 160 osservazioni pervenute da parte di privati o di Enti sovracomunali. In previsione di questo importante passaggio, martedì scorso si è tenuta in Villa Rusconi un’affollata assemblea pubblica, alla quale sono intervenuti anche i progettisti, il sindaco Franco Rudoni e gli assessori ai Lavori Pubblici, Camillo Canziani, e all’Urbanistica, Alberto Duffi.
Nel corso dell’incontro Alberto Duffi ha spiegato i tratti salienti di un PGT che è stato “ereditato” dalla precedente Amministrazione, e che tuttavia è stato profondamente rivisto ed in parte sensibilmente modificato dalla nuova Amministrazione comunale. Della precedente elaborazione vengono recepiti alcuni punti fondamentali, come la penetrazione di corridoi ecologici di verde pubblico all’interno del tessuto urbano, il riutilizzo delle aree industriali dismesse, una più stretta integrazione della parte sud e della parte nord dell’abitato, togliendo al canale Villoresi – le cui sponde verranno opportunamente riqualificate – il suo attuale carattere di barriera.
I nuovi Amministratori ribadiscono che non verranno creati quartieri marginali e che la città non avrà una crescita abnorme né dell’edificato né del numero dei residenti. L’incremento effettivo di abitanti nei prossimi anni è previsto al massimo di 1.000 unità: si potrebbero avere fino a 4.000 nuovi abitanti solo con il pieno riutilizzo di tutte le aree ex-industriali (Miramonti, Tiger, Stefanoni, Torno), cosa che, peraltro, sarebbe attuabile solo nell’arco di decenni.
L’attuale Amministrazione ha ridotto l’estensione degli “ambiti di trasformazione”: quello previsto nei pressi della Cascina Saronna è stato stralciato e dei due previsti a nord uno è stato a sua volta stralciato e l’altro ridotto. Il “consumo di suolo” passa così dal 4% della precedente previsione al 3%. Un’altra importante modifica riguarda lo stralcio di un tratto della prevista nuova circonvallazione est: per il momento è cancellato il tratto dal cimitero allo svincolo Castano Nord della superstrada e solo successivamente si valuterà l’opportunità di realizzarlo o meno.
Come detto, il Piano di Governo del Territorio tornerà domani sera in Consiglio comunale, con inizio alle 18, per l’esame delle controdeduzioni delle osservazioni pervenute e l’approvazione definitiva degli atti del PGT. Nella seduta, che potrà proseguire, se il prolungarsi del dibattito lo renderà necessario, anche sabato e domenica mattina, sempre con inizio alle 10, verranno presi in esame vari altri argomenti di notevole interesse. In dettaglio, oltre ovviamente al PGT, il piano di lottizzazione residenziale di iniziativa privata “Aurora”, in via Friuli, l’approvazione del Piano di zonizzazione acustica del territorio comunale, la ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e sulla salvaguardia degli equilibri del bilancio di previsione 2009, il piano comunale per l’attuazione degli interventi per il diritto allo studio per l’anno scolastico 2009-2010, l’approvazione del regolamento per l’utilizzo del Centro polivalente di produzione culturale “Angelo Paccagnini”, l’interrogazione del consigliere Fulvio Griffanti in merito all’infestazione di mosche.

 






di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.