Doppio diploma: tre scuole varesine scelte dal Ministero

Tre istituti della provincia scelti per avviare la sperimentazione del doppio diploma italiano-francese

Dieci sperimentazioni in tutta la Lombardia, di cui ben tre in provincia di Varese.
Gli istituti superiori del territorio confermano la propria attenzione ai temi legati all’internazionalizzazione. Non solo scambi numerosi con tante scuole europee, americane, persino cinesi e australiane. L’ultima novità è la sperimentazione "Esabac" che lo scorso febbraio il Ministro dell’Istruzione Gelmini ha introdotto grazie all’intesa con il Governo francese.
Gli studenti che parteciperanno a questa sperimentazione sosterranno il doppio esame di maturità: italiano e francese.

Delle dieci sperimentazioni toccate alla Lombardia, come dicevamo, ben tre si svolgeranno nella nostra provincia. A preparare gli studenti per il doppio diploma sono infatti: il linguistico di Varese Manzoni, l’Itc Tosi di Busto e il classico Cairoli di Varese.

Al Manzoni, a partire dall’anno scolastico 2010/2011, saranno coinvolti gli studenti delle due classi pilota (3B e 4B). Il percorso didattico prevede, attraverso l’interazione dei docenti italiani di storia e quelli di madrelingua francese, lo svolgimento della materia curricolare “Storia europea” in lingua francese per due delle tre ore settimanali previste. A ciò si affiancherà la già consolidata attività di “scambio” con alunni e docenti di un istituto francese e altre azioni didattiche finalizzate per promuovere la consapevolezza dell’utilizzo della lingua straniera in funzione veicolare per consolidare l’acquisizione di conoscenze. A partire dal corrente anno scolastico il Linguistico Manzoni attiva altresì alcuni percorsi modulari di insegnamento di parti di programma delle materie curricolari in lingua straniera.

Diversa la scelta del Tosi di Busto che coinvolge già da quest’anno gli studenti del terzo e del quarto anno linguistico francese per corsi da tenersi in istituti gemellati d’Oltralpe: « I nostri studenti terranno corsi intensivi di lungua e storia francese secondo moduli che effettueranno nelle scuole gemellate di Le Teille e di Aubusson – spiega il preside Benedetto Di Rienzo – Arriveranno a sostenere la doppia maturità nel 2011».

Dal 2012, anche gli studenti del Cairoli di Varese potranno sostenere l’esame per il Baccalauréat: «Da dieci anni questo liceo ha un’ottima sperimentazione di bilinguismo che da tre anni è diventata curricolare – ricorda la preside Daniela Tam Baj – Noi siamo partiti coinvolgendo la 1 D  che sosterrà  la doppia prova tra tre anni. I ragazzi si prepareranno studiando in francese la storia e partecipando a frequenti scambi con le scuole di riferimento in Francia, soprattutto attorno a Parigi».

Gli studenti che vorranno avere il doppio diploma saranno chiamati a sostenere prove ulteriori rispetto alla tradizionale maturità italiana. Un impegno serio per i ragazzi delle scuole varesine, le quali confermano così la propria attenzione ai temi internazionali: «L’idea della certificazione delle competenze in campo linguistico – chiarisce il professor Di Rienzo – sta crescendo in provincia. Ormai il nostro territorio è tra i più brillanti. Inoltre, qui abbiamo un’ottima tradizione di insegnamento del francese e quest’accordo, voluto dal Governo di Parigi per sostenere la propria lingua nel mondo, è indubbiamente un’opportunità ulteriore data ai nostri studenti».

«Questo progetto – racconta la preside Tam Baj – ci permette di valorizzare una sperimentazione che è un fiore all’occhiello e che rischia di essere penalizzata dalla riforma. Con grande entusiasmo, quindi, abbiamo colto l’opportunità per offrire una possibilità ulteriore di certificazione delle competenze».

Francese, lingua di cultura, di arte e di diplomazia: per gli studenti di Varese si aprono opportunità ambiziose.


di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.