Emergenza tsunami a Samoa

Continua a salire il bilancio delle vittime del sisma di magnitudo 8,3 Richter che ha provocato uno tsunami nel Pacifico orientale. Non risultano, al momento, cittadini italiani tra le vittime provocate dallo tsunami






(Ansa) Continua a salire il bilancio delle vittime del sisma di magnitudo 8,3 Richter registrato la scorsa notte, che ha provocato uno tsunami nel Pacifico orientale.
Il governo delle isole Tonga, annuncia la morte di 10 persone nell’isola di Niuatoputato, la più vicina alle Samoa occidentali. Il bilancio ufficiale è arrivato così a 44 morti, di cui 20 nelle Samoa occidentali, 14 in quelle americane e 10 a Tonga, ma i dispersi sono molto numerosi e il dato è drammaticamente destinato a salire. Secondo il funzionario dell’ufficio gestione disastri delle Samoa occidentali, Ausegalia Mulipola, i morti nel suo Paese potranno arrivare a 100.
La più duramente colpita è la costa meridionale dell’isola principale, Upoli, la più frequentata dai turisti. Fra i morti anche una donna australiana e un neozelandese, mentre altri sei australiani risultano dispersi e tre sono ricoverati in ospedale. La capitale di Samoa, Apia, è praticamente deserta, con scuole e negozi chiusi, mentre migliaia di persone sono state trasferite in terreni più elevati. Le preoccupazioni maggiori sono ora per il rischio di frane, e per la difficoltà a raggiungere le comunità isolate delle isole minori. Australia e Nuova Zelanda, oltre agli Usa, si affrettano a inviare aiuti e personale di soccorso: la Caritas australiana ha avviato una raccolta di donazioni. Wellington aerei militari Orion per consegnare aiuti ed aiutare nella ricerca dei sopravvissuti.
Non risultano, al momento, cittadini italiani tra le vittime provocate dallo tsunami.






di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.