Furato gioca in casa e strappa un 4-2

Grande la soddisfazione per il presidente, Giuseppe Segreto che, affiancato dal vice Flavio Garagiola, dall’allenatore Fabio Pirola, oltre che da Fabio Segreto e Francesco Lombardo

Prima partita in casa per la squadra dell’Associazione Polisportiva Culturale di Furato. Alle 15.30 di domenica, infatti, è scattato il fischio d’inizio per la prima partita in casa, sui terreni del Campo sportivo, che ha visto il Furato battere, per 4-2, la “Nuova San Romano” di Milano.
Grande la soddisfazione per il presidente, Giuseppe Segreto che, affiancato dal vice Flavio Garagiola, dall’allenatore Fabio Pirola, oltre che da Fabio Segreto e Francesco Lombardo, ha messo in campo una squadra composta da Jonathan Anile, Luca Brentani, Mirko Cassani, Massimiliano Comincio, Davide Garigliano, Matteo Garavaglia, Daniele Gornati, Riccardo Gozzini, Luca Guenzi, Densi Monella, Samuel Oldani, Roberto Pagani, Efrem Paganini, Fabio Paladini, Alessio Paroni, Fabrizio Pellegrino, Alessio Polimeni, Roberto Profera, Marco Ranieri, Luca Raimondi, Daniele Ritunno ed Alex Zoccatelli. E, come ormai tradizione, anche all’inizio di questa per questa nuova stagione di campionato (si gioca in terza categoria nel girone Milano, ndr), non è mancata la foto di gruppo. Presente al debutto anche l’assessore allo Sport e alle Politiche per la Frazione, Linda Corno, che commenta: “Le Associazioni sportive e di volontariato come la Polisportiva sono da sempre una ricchezza, per questo, l’Amministrazione comunale continuerà nell’azione di supporto alle realtà che operano nel nostro paese. Un ringraziamento, dunque, al direttivo della Polisportiva che, oltre a svolgere un’attività importante con la squadra, si occupa anche della gestione delle strutture di via Boves, un fiore all’occhiello per la frazione, ed ai componenti del Furato per il loro impegno”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.