Furti in aeroporto in mezza Italia, un arresto a Busto Arsizio

Si tratta di un peruviano "incastrato" dalle telecamere di sicurezza dello scalo Marconi di Bologna per una serie di colpi dello scorso inverno. Da Malpensa la segnalazione decisiva: il personaggio era noto. Ricercato un complice

È finita con le manette, e stavolta con il carcere, la sfilza di furti compiuti da un clandestino peruviano che al momento si trovava agli arresti domiciliari a Busto Arsizio. A incastrare lui e il complice, un messicano tuttora ricercato, le telecamere dell’aeroporto Marconi di Bologna, che li hanno "inchiodati" durante i loro furti, compiuti in tre riprese fra l’ottobre dello scorso anno e marzo 2009 rubando i bagagli dei passeggeri dopo averli avvicinati o frugando nelle valigie in cerca di oggetti di valore, per poi "sparire" con il semplice espediente di togliersi abiti dopo il colpo per rendersi "indistinguibili" da altri frequentatori degli scali.
Altri colpi del genere attribuiti ai due sarebbero stati segnalati a Firenze e, "naturalmente", a Malpensa. E proprio dallo scalo insubrico è giunta la conferma alle segnalazioni inviate agli aeroporti di mezza Italia: i due erano già fin troppo noti, e già denunciati una volta. La Polaria ha così eseguito l’arresto del peruviano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.