Giuseppe Zoppo ai domiciliari

Esce di cella dopo ben quattro mesi di detenzione in carcere l'ex patron della Pro Patria, su cui gravano pesanti accuse in relazione alla sua gestione della società

È uscito dal carcere venerdì mattina Giuseppe Zoppo, l’ex presidente e proprietario della Pro Patria da lui guidata nel 2008/2009 sino al fallimento societario, in un’annata che i tifosi, nel bene e nel male, non dimenticheranno più. È stato il gip del tribunale bustese, Luca Labianca, a concedere gli arresti domiciliari per l’uomo d’affari casertano-milanese, accusato dal pm Baraldo di bancarotta fraudolenta, truffa, appropriazione indebita. Una decisione che la difesa di Zoppo accoglie con favore, pur avendo richiesto da molto tempo una attenuazione della misura detentiva, soprattutto alla luce degli usi invalsi in questi casi, che prevedono detenzioni più contenute nel tempo. È stata proprio un’istanza del legale Angelo Colucci a trovare infine l’assenso del gip, che ha accolto la richiesta di arresti domiciliari avanzata in subordine a quella di scarcerazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.