Il leghista Monti: “Denunciati per rissa 3 asilanti, chiudiamo via Pola”

Dura presa di posizione del consigliere del carroccio dopo un fatto di cronaca

Emanuele Monti, presidente della commissione servizi sociali del Comune di Varese, torna a chiedere la chiusura del centro asilanti di via Pola. Questa volta, l’occasione è una rissa che ha coinvolto l’altra sera tre ospiti del centro, denunciati dalla Polzia mentre litigavano in strada con un ragazzo albanese.

"Poco più di un mese fa avevo posto seria preoccupazione per la riapertura del centro di via Pola – dichiara –  oggi sono a commentare l’ennesimo fatto di cronaca successo proprio presso il centro asilanti di Varese".
 
La notizia della rissa tra alcuni rifugiati politici presenti nel centro asilanti del Comune di Varese in Via Pola e altri soggetti tra cui un cittadino Albanese agli arresti domiciliari proprio in quella zona della città capoluogo. " Nonostante un consenso pieno, l’80% dei cittadini votò la mia proposta su un autorevole sondaggio on line, nonostante alcuni anni di picchetti, prese di posizione, commissioni e giunte in cui la Lega ha detto no al centro, oggi devo tristemente vedere l’ennesimo fattaccio di cronaca relativo a via Pola". Monti incalza sulle responsabilità politiche e sulla serietà " il centro negli ultimi anni ha visto il reiterarsi continuo di fatti gravi, solo la Lega ha detto di chiudere in via Pola e trasferire tutto nell’alto milanese dove ci sono strutture vuote pronte ad accogliere gli asilanti, chi dice il contrario fomenta la violenza e la crimminalità che in questi anni sta terrorizzando la cittadinanza dell’intero quartiere varesino dove situato il centro."

Domattina il Presidente della Commissione Servizi Sociali depositerà in comune la richiesta scritta al Sindaco di provvedere al più presto all’attivazione della commissione ristretta decisa in Giunta pochi mesi fa e con l’obiettivo di definire la chiusura del centro in caso di fatti particolarmente gravi.
"L’ultima mia nota circa l’urgenza dell’argomento è datata 7 Agosto, giorno di riapertura del centro. Dopo inchieste giudiziarie, sgomberi forzati, e ora fenomeni di criminalità la maggioranza deve mostrarsi compatta nel decidere la chiusura del centro. Opinioni contrarie non sono più accettate dalla gente che è tutta con la Lega e vuole l’immediata chiusura e spostamento nell’alto milanese".
Alla domanda circa il futuro del centro Monti risponde chiaramente: "Pensiamo ai nostri cittadini in difficoltà, gli anziani, le persone con handicap, i giovani svantaggiati, queste persone che davvero soffrono e per le quali uno spazio potrebbe essere di assoluto aiuto".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.