Il mistero della donna scomparsa

Il marito ha raccontato che frequentava gruppi new age, ma i due si erano denunciati a vicenda e c'era di mezzo la giustizia penale

E’ sempre più fitto il mistero attorno alla donna scomparsa da casa cinque giorni fa. Un black out: Patrizia Rognoni è uscita giovedì mattina lasciando l’appartamento di Castelveccana intatto, dopo aver portato la figlia di 12 anni a scuola. La donna, che ha abitato molti anni a Milano, non è più tornata a prenderla. La scuola ha chiamato il padre della studentessa e da lì sono partite le ricerche.
I carabinieri di Varese stanno indagando, su impluso del pm Sara Arduini. Dal comando confermano che stanno cercando da giorni la donna sparita; il lago e le zone boschive sono già state scandagliate e non è escluso che la ricerca venga alla rgata anche ad altre regioni. I militari si sono presentati a casa dell’ex marito, dal quale si era separata dopo varie denunce, fatte e ricevute. L’uomo ha raccontato di essere andato a Crodo, in Piemonte, per lavoro, quella mattina, e di non aver ricevuto dalla ex moglie alcuna chiamata.

La scomparsa sembra essere arrivata come un fulmine a ciel sereno, ma in realtà si sa ben poco della vita privata dei protagonisti. Unico indizio, l’udienza che lunedì mattina in tribunale a Varese vedeva contrapposti i due coniugi: il marito era stato accusato dalla moglie di maltrattamenti, lui l’aveva però a sua volta denunciata perchè, a suo dire, gli veniva impedito di vedere la figlia.

Dissapori a parti incrociate, maturati intorno al 2003 e 2004. Secondo l’avvocato dell’uomo da tempo i due non si frequentavano, circa due anni. Ai carabinieri, il marito ha riferito che la ex moglie aveva frequentazioni di gruppi new age e ha poi raccontato della separazione giudiziale con denunce e controdenunce, finita tuttavia con una decisione salomonica del tribunale: entrambi possono vedere la figlia, 15 giorni a testa in un mese.

Gli inquirenti mantengono il riserbo, ma sembra che tutte le piste rimagano aperte.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.