In festa con suor Romana

Domenica 20 settembre, le celebrazioni per i 40 anni in Africa della missionaria. La Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate sostiene il progetto di un asilo in Guinea Bissau

Domenica 20 settembre Villa Cortese rende omaggio ad una grande missionaria. Suor Romana Sacchetti dell’ordine delle Adoratrici del Sangue di Cristo di Roma, originaria del Lazio ma profondamente legata a Villa Cortese, festeggerà i suoi 50 anni di consacrazione religiosa e i suoi primi 40 anni di presenza missionaria in Africa.
Quell’Africa più povera, che ha maggiore bisogno che ha trovato nell’Alto Milanese e nel Varesotto una squadra di volontari pronti a dare una mano. E la Banca di Credito di Busto Garolfo e Buguggiate non è rimasta insensibile alla richiesta di aiuto: proprio in occasione della festa, ha deciso di destinare un contributo a sostegno della costruzione di un asilo nella missione cattolica che si trova a Ingorè, in Guinea Bissau, dove la religiosa opera. Spiega il presidente della Bcc, Lidio Clementi: «Come abbiamo dimostrato già con la missione in Burundi, dove abbiamo stimolato la raccolta e contribuito fattivamente alla costruzione del reparto di pediatria dell’ospedale di Mutoy, non siamo rimasti indifferenti davanti all’opera che questa missionaria svolge in Africa. Vista anche la grande mobilitazione che da oltre 20 anni si è creata tra l’Alto Milanese e il Varesotto».
Infatti i primi contatti con suor Romana risalgono al 1977 quando, attraverso don Gino Cova, sacerdote missionario di Villa Cortese, allora diacono, iniziarono i viaggi in Africa. «Nell’agosto di quell’anno, siamo stati in Tanzania, dove ai tempi suor Romana svolgeva la sua attività missionaria, per la realizzazione di una serie di impianti per fornire ai villaggi acqua potabile», ricorda Ezio Caccia, tra i più attivi volontari di Villa Cortese. «Pur mantenendo i contatti con la Tanzania, abbiamo seguito suor Romana quando nel 1981 è stata spostata in Guinea Bissau, nella missione cattolica "Maria de Mattias" a Ingorè. Qui lavora incessantemente in aiuto soprattutto dei bambini». Nella missione è stato costruito un ospedale di pediatria e sono stati avviati i lavori per la realizzazione di una scuola più grande. «I bambini che si rivolgono alla missione sono sempre di più: oltre a garantire loro l’istruzione ed il pasto di mezzogiorno, l’asilo offrirebbe ai bambini e alle famiglie anche un supporto sanitario», continua Caccia. Attorno al progetto si sono catalizzati gli sforzi dei numerosi volontari che, tra Villa Cortese e Varese, passando per Busto Arsizio, danno concretamente una mano al lavoro di suor Romana.
Domenica sarà quindi una giornata di festa e di solidarietà a Villa Cortese: alle 9.30, nella chiesa parrocchiale, è prevista la celebrazione della messa che sarà officiata da don Gino Cova. Al termine, ci sarà un rinfresco all’oratorio durante il quale sarà possibile conoscere direttamente suor Romana.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.