In preda a un “Raptus criminale” svaligia un negozio dietro l’altro

Nella serata di ieri, un rapinatore ha gettato nel panico il centro di Rho, imperversando su svariati obiettivi. “Sono disperato e senza lavoro, aveva bisogno di soldi"







Nella serata di ieri, un rapinatore ha gettato nel panico il centro di Rho, imperversando su svariati obiettivi. 
Dalle ore 19 alle ore 19.45, il 112 è stato letteralmente preso d’assalto da cittadini che segnalavano di aver subito delle rapine. 
Il malvivente, risultato anche ubriaco, sembrava in preda ad un “raptus”, agli investigatori riferiva: “Sono disperato e senza lavoro, aveva bisogno di soldi;  ero andato fuori di testa, se non mi aveste fermato avrei continuato per ore”
Nell’ordine, la Centrale Operativa della Compagnia di Rho riceveva richieste di intervento su:
-la gelateria “Rossini”, sita nella via Garibaldi, rapinata di 200 Euro;
-il negozio “Sommaruga Casalinghi”, sita nella via Buon Gesù, ove un tentativo veniva sventato dall’energica reazione della proprietaria;
-la farmacia “Stazione”, sita nella Piazza Libertà, dalla quale venivano asportati 1.000 Euro;
-la cartoleria sita nella via Meda. 

Univoca la descrizione dell’autore del reato: soggetto con una felpa scura e logo automobilistico sulla schiena ed armato di forbiciUna serie di allarmi che dirottava nel centro storico di Rho anche le pattuglie dei Comuni vicini, tutte impegnate nella ricerca del malvivente.
E proprio l’ultimo tentativo di rapina risultava fatale al soggetto: una gazzella del Nucleo Radiomobile lo intercettava nella via Italia; dopo una breve fuga a piedi veniva bloccato ed ammanettato. Il bottino veniva recuperato e restituito ai legittimi proprietari. La sua corsa è finita nel carcere di San Vittore. I militari rhodensi stanno verificando l’attribuibilità di altri colpi verificatisi nella zona nelle ultime settimane. 

 






di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.