Influenza A, picco a Natale

Nei prossimi mesi si presenterà in forma massiccia anche in Italia. Picco previsto fra il 18 dicembre e il 18 gennaio, quando potrebbero finire a letto 3 milioni di persone. I casi certificati a livello nazione sono circa 2 mila

L’influenza A nei prossimi mesi si presenterà in forma massiccia anche in Italia. Il picco è previsto sotto Natale, fra il 18 dicembre e il 18 gennaio, quando potrebbero finire a letto 3 milioni di persone. La pandemia comunque "non è grave e il virus è un mese più lento del previsto", assicura il viceministro alla Salute Ferruccio Fazio. E non è in programma "nessuna chiusura generalizzata delle scuole", ma solo "chiusure mirate".

Attualmente i casi certificati a livello nazione sono circa 2 mila, ma quando raggiungerà l’apice, il numero di malati andrà da un milione e mezzo a tre milioni per 15 giorni di malattia. Mentre anche l’Europa di muove e per il 12 ottobre è fissata una riunione a Bruxelles i ministri della Sanità Ue, in Italia il ministero si sta attrezzando per affrontare la situazione e oggi ha riunito l‘unità di crisi. Uno degli aspetti più delicati riguardava appunto la scuola: uno slittamento dell’apertura o una chiusura a tappeto, al momento è esclusa. "Faremo solo chiusure mirate", ha detto oggi Fazio. La misura potrebbe scattare se si verificassero almeno tre casi in contemporanea e si valuterà "se chiudere una singola classe o tutta la scuola".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.