La moda newyorkese cammina varesino

Le scarpe con le dita spopolano nel mondo, ma sono nate nel cuore del varesotto. Le Five fingers sono state ideate e prodotte da Vibram

five fingers vibram

A chi non piacerebbe camminare a piedi nudi nel parco? Oppure correre e muoversi senza scarpe come da bambini? Ma soprattutto, farlo senza nessun rischio? Dal 2006 tutto questo è possibile grazie alle rivoluzionarie scarpe Five Fingers (cinque dita) ideate, progettate e prodotte da un’azienda tutta varesina, ovvero la Vibram di Albizzate. In pochi anni la società è passata da un’intuizione nata sulla scia di tanti studi sui benefici del camminare scalzi, a dettare la moda negli Stati Uniti come racconta Federico Rampini su “Repubblica“. Insomma, la “tribù degli scalzi” contro i sempre più sofisticati modelli di scarpa sportiva ideati per ogni tipo di attività.

«Tutto è iniziato nel 2002 da un concetto semplice: tornare a camminare a piedi nudi, ma proteggendo il piede – spiega Giuseppe Grandinetti, responsabile Marketing e comunicazione Five Fingers -. Per strutturare questo super progetto ci siamo basati su vari studi ormai ventennali e su nuove ricerche e test che abbiamo svolto sia in Italia che all’estero».

Il risultato è questa scarpa simile a un guanto che promette di farvi sentire le stesse sensazione che provavate a camminare a piedi nudi da bambini. «Inizialmente pensavamo di rivolgerci solo a un pubblico di nicchia – continua Grandinetti – , ma in questi anni le vendite si sono quadruplicate. In America è nato un vero e proprio culto e i “runners” sono ormai la fetta principale del nostro mercato». Qualche perplessità il nuovo prodotto brevettato da Vibram l’ha sollevata, soprattutto in merito a chi può utilizzare questo tipo di scarpa. «Devono essere persone che sanno correre e che sanno cosa vuol dire correre – spiega il responsabile -. Le sconsigliamo a chi non ha esperienza e allenamento perché con le Five Fingers si corre in modo diverso». Dubbi o meno, nel 2008 l’azienda ha vinto il Premio per la creatività.

five fingers vibram

Se queste strane calzature spopolano oltre oceano, lo stesso non può ancora dirsi in Italia anche se le Five Fingers nascono proprio qui e in particolare ad Albizzate nell’azienda della famiglia Bramani. Vibram è stata fondata nel 1936 da Vitale Bramani, accademico del Club Alpino Italiano che, al ritorno da una tragica ascesa alpina, ha avuto la geniale intuizione di utilizzare per le calzature la tecnica sviluppata dalla Pirelli, che costruiva gomme per automobili. Applicando della gomma sotto ai suoi scarponi da montagna, fece stampare le prime suole in gomma vulcanizzata, inventando così la suola che ha rivoluzionato la pratica dell’alpinismo.

Da allora Vibram è leader mondiale nella produzione e nella commercializzazione di suole in gomma ad alte prestazioni, destinate ai mercati per l’outdoor, il lavoro, il tempo libero, la moda, la riparazione e l’ortopedia. E da Albizzate la famiglia Bramani di strada ne ha fatta: se nel varesotto rimane il cuore dell’azienda con le attività di design industriale, lo sviluppo di nuove tecnologie e di nuovi prodotti, Vibram conta oggi uno showroom e un negozio a Milano e soprattutto strutture produttive e commerciali in America, Brasile, Giappone e Cina. Non esistono però, se non negli Stati Uniti, punti vendita diretti gestiti da Vibram dove acquistare le Five Fingers che hanno un costo base di 89 euro.

In attesa di vedere se la moda del “piede nudo” arriverà anche da noi, il consiglio per tutti gli appassionati di corsa è scoprire quali atleti hanno già capitolato di fronte alla nuova scarpa. E soprattutto vedere se la “tribù degli scalzi” invaderà anche la maratona di New York che si svolgerà l’1 novembre.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.