La Regione stanzia 18 milioni di euro per nuovi asili

Nidi e micronidi nuovi o ristrutturati per ampliare l'offerta di accoglienza riservata ai bambini da 0 a 36 anni è l'obiettivo della Regione che stanzia finanziamenti a fondo perduto

La Regione Lombardia destina 18 milioni di euro alla realizzazione di nuovi asili nido e micronidi, anche aziendali, e all’ampliamento di quelli esistenti, a beneficio dei bambini da 0 a 36 mesi.
Il bando per l’assegnazione di questi contributi, che sono a fondo perduto, verrà ora predisposto in base ai criteri che la Giunta regionale ha approvato, su proposta dell’assessore alla Famiglia e
Solidarietà sociale, Giulio Boscagli.
«Si stima – precisa l’assessore Boscagli – che con lo stanziamento di questi 18 milioni si potranno realizzare circa 2.000 nuovi posti negli asili nido lombardi, posti che dovrebbero essere pronti per la fine del prossimo anno. È una risposta concreta alla richiesta, in continuo aumento, di posti
in questo tipo di strutture per la prima infanzia che in Lombardia sono già 52.560: 47.750 posti negli asilo nido; 2.441 nei micronidi; 1.134 nei centri per prima infanzia e 1.235 nei nidi famiglia».
 
Potranno concorrere al bando per ottenere i contributi sia soggetti pubblici e sia privati, profit e non profit, in partnership con soggetti pubblici.
Il contributo che è concesso non solo per la costruzione di nuove strutture ma anche per ampliare e ristrutturare quelle esistenti, purché i lavori siano finalizzati all’aumento dei posti, potrà coprire al massimo fino al 45% del costo dell’intervento ritenuto ammissibile.
Nel valutare i progetti e nello stilare la graduatoria si terrà conto: dell’indice di copertura dei posti nido nella zona (la percentuale dei bambini con meno di 36 mesi presenti nella zona in rapporto all’offerta dei posti nelle strutture della stessa zona); del costo dell’opera in rapporto al numero di posti realizzati; dell’entità del autofinanziamento e dell’innovazione tecnologica per il risparmio energetico.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.