“Monnezza” a quintalate nei dintorni dello Scientifico: e i ragazzi “puliscono il mondo”

La classe IID ha lavorato sodo con i volontari di Legambiente per rimettere in ordine la zona adiacente il liceo, dove si trovava un po' di tutto

Immondizia, monnezza, rumenta: chiamatela come preferite. Ce n’era di tutti i tipi, a quintali, abbandonati fra gli sterpi a breve distanza dal liceo scientifico Tosi di Busto Arsizio. Sono stati "repertati" e smaltiti, con gli strumenti messi a disposizione anche da Agesp, dai ragazzi della classe IID del liceo, trasformatisi per una mattina in volontari dell’ambiente per Puliamo il Mondo, iniziativa globale che Legambiente ripropone in Italia nelle varie città e realtà locali.

Una bicicletta, una dozzina di pneumatici, sacchi di lattine e bottiglie di vetro, lamiere e oggetti in vetro e plastica; oltre ai rifiuti ordinari lasciati dai soliti zozzoni: sigarette, incarti, lattine, plastiche e carte varie. Con il lavoro dei ragazzi, dei docenti, dei volontari del Cigno Verde presenti, è stato possibile anche liberare dagli sterpi alcuni metri quadrati parcheggi, potare siepi e arbusti incolti, producendo alcuni cumuli di potature e di legna.

"La magnifica classe II D è stata encomiabile per tre ore di impegno costante. Grazie a tutti gli studenti ed alla professoressa Giovannelli" scrive il presidente del circolo bustese di Legambiente, Barcucci, ricordando che sempre stamane altri volontari di Legambiente hanno assitito gli studenti delle scuole Pertini e Beata Giuliana nella tradizionale uscita attorno alla scuola e nei grandi spazi verdi della stessa. 
Domenica alle 9,00 allo stadio di atletica di Sacconago ed in via Macca, altre pulizie con i volontari più mattinieri, magari perchè no, chi esce di buon’ora per una corsa o una passeggiata con il cane e deve constatare il degrado e l’inciviltà appena dietro l’angolo. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.