«Nessuna guerra tra ludobus alla Festa dell’Uva»

Matteo Sommaruga precisa quanto accaduto domenica alla Corte del Ciliegio durante la festa organizzata dal rione In Giò

Matteo Sommaruga, presidente della cooperativa Sant’Ambrogio onlus che gestisce la Corte del Ciliegio e il ludobus Dirodorlando non ci sta e risponde all’associazione "Rione In Giò" riguardo alla presenza di due ludobus all’interno della stessa festa, uno dei quali invitato dall’associazione stessa e l’altro organizzato dall’amministrazione e dalla cooperativa che gestisce l’area: «Siamo stati più che democratici dato che all’interno dell’area da noi gestita abbiamo fatto lavorare la concorrenza di "Dire, fare, giocare".  Non c’è stata nessuna guerra tra ludobus dato che sono rimasti entrambi alla Festa dell’uva e hanno liberamente svolto il loro compito».



 «Essendo la nostra società operativa anche in campo ludico, proprio in quel di Castellanza,  – continua Sommaruga – abbiamo pensato di organizzare nel pomeriggio di festa un’uscita del Ludobus ed uno spettacolo di animazione a cura di una nostra collaboratrice. Questa attrattiva è stata molto apprezzata dai picoli utenti e dai loro genitori e di questo vi è il riscontro diretto del pubblico».







Riguardo all’intervento della Polizia Locale: «L’intervento della Polizia Locale, non è stato sollecitato dalla scrivente. All’arrivo, gli agenti si sono rivolti al Ns staff  (che da due anni è riconosciuto come il punto di riferimento per le animazioni ludiche nei parchi) chiedendo se l’altro ludobus avesse o meno l’autorizzazione- Non essendo a conoscenza di qs fatto, abbiamo solo fatto notare che  ilLudobus Dirodorlando era regolarmente autorizzato.  Sottolineo che  essendo la cooperativa Sant’Ambrogio gestore del parco al limite era la stessa cooperativa a "doversi autorizzare"».



















di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.