Notte al porticciolo, uomo ricoverato per ipotermia

La vittima, un australiano quarantenne, è stato curato all'ospedale di Luino. secondo i suoi primi racconti, sarebbe stato vittima di una aggressione. I carabinieri indagano

L’unica cosa certa è che un quarantenne australiano è stato ricoverato nella giornata di lunedì 21 settembre per ipotermia all’ospedale di Luino.
Quali siano stati i motivi, però, che abbiano portato l’uomo a passare una notte all’addiaccio dietro le barche del porticciolo di Brusimpiano non sono chiari: secondo le parole dell’uomo, sarebbe rimasto vittima di una aggressione, iniziata verso l’una di notte in un locale vicino al lago dove, intorno all’ora di chiusura, lui stava suonando con la sua chitarra. Lamentele, poi una lite, proseguita fuori dal locale. Per sfuggire ai “contendenti” si sarebbe tuffato in acqua, sempre inseguito dagli aggressori, che – sempre secondo le sue prime ricostruzioni – avrebbero cercato di affogarlo, finchè l’uomo fingendo di essere morto sarebbe riuscito a sfuggire loro e rifugiarsi tra le barche.
La ricostruzione, sommaria e confusa, è però al vaglio degli inquirenti: e i carabinieri della stazione di Ponte Tresa, competenti per territorio, proseguono nelle indagini.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.