Nuove Sezioni di Scuola Materna, siamo al parossismo

Nota di Ugo Quadrelli, consigliere comunale capogruppo dell'opposizione

Riceviamo e pubblichiamo
 
Questa della problematica delle “nuove Sezioni di Scuola Materna” a Cardano, mi pare proprio una querelle ormai arrivata al parossismo.
Certo l’Ass. Prati si è sentita il cuore in gola, quando ha saputo che anche io, opposizione, sono intervenuto per vedere come risolvere questa disorganizzazione dell’Amministrazione: come si fa a non prevedere che 40 bambini, dati ben riscontrabili dall’anagrafe,  avrebbero necessitato di almeno due sezioni in più di materna e come si fa a non prevedere per tempo una soluzione??
Come si fa ad attribuire colpe all’On.le Gelmini o al Governo se , per fortuna, i giovani sposi pensano di continuare a proporci dei figli bellissimi , per continuare quello che il Padre Eterno ha affidato loro come compito principale di vita?
E’ invece la solita NON lungimiranza di questa amministrazione, che ama concentrarsi più sui fiori o sul poco verde, sulle ex-cave o fantasiose piscine, (con spese fuori dal normale buon senso, così utile in questi tempi, piuttosto che sui bisogni reali della gente.)
Noi non abbiamo fatto altro che intervenire con qualche telefonata o e-mail per capire e vedere come risolvere il problema dei 40 bambini e loro famiglie, famiglie cardanesi non americani o russe, cioè lontane!.
Cioè ci siamo mossi proprio per nostri concittadini e questo non ci sembra né scandaloso né demenziale, come ci attribuisce l’Ass. Prati.
 
E’ scandaloso che lei, signora Prati, si scandalizzi; questo  sì che lascia esterrefatti.
 
Io non so che seguito pratico abbia avuto il mio semplice e accorato intervento. Non ho mai preteso di dire che la soluzione del problema è arrivata per merito mio.
So che c’è stato un interessamento profondo anche Suo e della Amministrazione, ma non ci respinga sempre come fossimo dei “dementi” ,degli stolti: abbiamo operato solo per il bene dei cardanesi, non per interessi personali.
Che modo è questo di fare politica, se si intende veramente la politica come finalizzata al bene della “polis”?
 
A me pare proprio che si è perso il senso della misura e il senso del rispetto anche personale.
 
Pensi e pensate al bene dei concittadini, piuttosto che al solito battibecco tra le opposte forze partitiche, soprattutto quando c’è di mezzo il bene dei cittadini.
 
La prego, sig.ra Prati, di usare toni meno offensivi, perché io non li uso nei suoi confronti e a prendere atto che siamo tutti sulla piccola barca cardanese, pronti a traghettarla verso comuni traguardi positivi.
Non vuole questo onesto supporto? Rimanga pure da sola!
Tanto le campane stanno cambiando tono.
 
Quadrelli Ugo

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.