Nuovo automezzo per il trasporto disabili e anziani

La consegna al parco comunale il prossimo 27 settembre. Il mezzo acquistato col contributo delle aziende locali

Domenica 27 settembre alle ore 17,30, al parco comunale verrà consegnato ufficialmente all’Amministrazione comunale di Cocquio Trevisago un automezzo speciale dedicato al trasporto di anziani, disabili e persone non autosufficienti. Si tratta di un Fiat Doblò modificato appositamente per questo compito, che rimarrà in comodato d’uso gratuito per quattro anni al Comune di Cocquio Trevisago.
“Il raggiungimento di questo risultato – dicono dal comune – è stato possibile grazie al progetto MGG, Mobilità Garantita Gratuitamente, già presente e diffuso in numerosi comuni italiani. Il veicolo infatti è stato acquisito grazie alla sponsorizzazione di molte aziende di Cocquio Trevisago e dei comuni limitrofi, che saranno pubblicamente ringraziate dall’Amministrazione durante la cerimonia di consegna, che si terrà al termine della manifestazione Puliamo il Mondo”.
Il progetto “Mobilità Garantita Gratuitamente” prevede la cessione dell’automezzo al Comune in comodato d’uso gratuito, incluso il pagamento del bollo e dell’assicurazione, per quattro anni: in pratica l’ente deve mettere solamente la benzina e l’autista ed è pronto da subito a svolgere il suo prezioso compito socio assistenziale, secondo le modalità e le tempistiche stabilite dal Comune. In cambio del loro aiuto economico, le aziende che hanno sostenuto l’iniziativa disporranno di uno spazio pubblicitario in evidenza sull’automezzo.
“Questa iniziativa dimostra ancora una volta come il privato può, con idee intelligenti e forte sensibilità sociale, venire incontro al pubblico in una collaborazione virtuosa che rafforza lo spirito di una comunità” commenta il Vicesindaco Gianni Castellini. “Come rappresentante del Comune di Cocquio voglio ringraziare la società MGG Italia, che ha reso possibile questa iniziativa, ma soprattutto tutte le aziende e gli imprenditori che hanno contribuito all’acquisizione del mezzo. Come si sa, i comuni di dimensioni medio-piccole come il nostro hanno spesso difficoltà economiche nell’erogare servizi socioassistenziali di qualità: questo progetto contribuisce a risolvere con intelligenza una necessità reale della popolazione”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.