Regolarizzazione di colf e badanti, il comune che fa?

I consiglieri del Pd chiedono all'amministrazione di attivarsi per favorire la regolarizzazione degli stranieri al servizio delle persone impossibilitate per problemi di salute a recarsi ai patronati










Anche il Comune dovrebbe attivarsi per la regolarizzazione di colf e badanti. Lo chiedono Erica D’Adda e Valerio Mariani del Pd con un’interrogazione al sindaco Gigi Farioli.  I consiglieri democratici ricordano che lo scorso 31 agosto è stato siglato il Protocollo d’intesa fra il Ministero dell’Interno, il Ministero del Lavoro e l’ANCI sulle procedure di emersione dal lavoro irregolare di cittadini extracomunitari addetti all’attività di assistenza alla persona o al lavoro domestico.  

Secondo i termini del protocollo, i Comuni che lo vorranno potranno accreditarsi presso il Ministero dell’Interno per attivare le procedure di regolarizzazione che si dovranno realizzare tra il 1° e il 30 settembre 2009. Il meccanismo è analogo a quello già sperimentato con successo per le procedure di ricongiungimento familiare. La funzione del Comune non sostituisce quella dei Patronati, ma offre un servizio aggiuntivo indirizzato in modo particolare a quei cittadini che, anziani o debilitati e senza una rete parentale di sostegno, non sarebbero in grado di attivarsi autonomamente. Per questi specifici casi l’operatore del Comune potrà recarsi presso l’abitazione del cittadino e da lì attivare la procedura.  

I due consiglieri, dunque, chiedono se l’Amministrazione ha provveduto o intenda provvedere ad istituire il servizio, al fine di  offrire ai propri cittadini la possibilità di poterne disporre, secondo le indicazioni previste dal protocollo stesso.




di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.