Sabba: «Ecco chi è Checco Lattuada»

L'esponente della "Giovane Italia" prende le difese del conisgliere comunale allontanato dagli stadi e attacca il Pd

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato stampa dell’esponente della "Giovane Italia" (costola giovanile del Pdl) Matteo Sabba in difesa del consigliere comunale Pdl Checco Lattuada attaccato dal Pd dopo l’allontanamento per cinque anni dagli stadi, voluto dalla questura di Varese, dopo la partita della Pro Patria contro il Ravenna

"Checco Lattuada non è certo un fulgido esempio per i giovani" così parla il consigliere Pecchini.
Sarà come dice il consigliere del PD anzi sicuramente è come dice l’esponente del PD. Perchè loro si che sono un esempio per i giovani d’oggi: l’insegnamento dell’odio nei confronti di chi non la pensa  
come loro, ma nel frattempo sempre un dialogo aperto con il Sindaco e la maggioranza e anche qualche voto a sostegno "…si sa mai che ci può servire".

Questo bisogna insegnare ai giovani, l’opportunismo di dichiararsi in un modo (opposizione) e fare tutt’altro (alzare fumogeni offuscando la vista dei cittadini parlando di altro, inventando mille polemiche  
sterili e attaccando vilmente gli avversari). Posso essere franco? Inizialmente mi avete fatto ridere, subito dopo mi avete fatto vomitare, la vostra supponenza è ai limiti della sopportazione, vi ponete come i censori bigotti della nostra società: voi credete di avere la morale dalla vostra parte e passate sopra le persone ricoprendoli di insulti e diffamazioni senza preoccuparvi di ciò che questo comporta.

Ma voi cosa ne sapete di cosa è successo, con che coraggio parlate senza sapere di cosa si tratta: oramai siete accecati non avete più misura di ciò che dite, soprattutto il consigliere Pecchini, che si  
era fatto apprezzare anche in passato per le sue uscite volgarmente infamanti. I suoi colleghi mostrano più intelligenza e rimangono più cauti: fanno finta di essere democratici, come dovrebbe esserlo il loro partito (ma Beppe Grillo allora si può candidare?), e cattolicamente giusti, vogliono il dialogo, ma alla fine fanno la figura peggiore, quella di chi scaglia il sasso e nasconde la mano.

Volete sapere chi è Checco Lattuada? Lo conosco da quasi 5 anni ed è "colpa" sua se la passione per la politica mi ha travolto. Proprio da lui ho sentito i concetti più libertari che in nessun altro politico bustocco si possono sentire: la difesa a spada tratta delle diversità e dell’unicità delle culture che popolano la terra, la difesa dei diritti di qualsiasi essere umano (quindi anche di un musulmano che vuole pregare nella sua Moschea senza fare decine e decine di chilometri), l’amore per la natura e la difesa del nostro territorio.

Tutto questo insieme alla sua azione quotidiana (l’impegno totale per  la comunità, per i propri concittadini, senza guadagnarci niente e spesso rimettendoci economicamente, senza fermarsi, neanche quando ti sputano addosso le peggiori cose) hanno coinvolto tutti noi, prima di Azione Giovani, ora della Giovane Italia e ci dà la spinta per andare avanti a credere in un mondo migliore grazie agli sforzi di persone così.

Non ho ancora nominato Comunità Giovanile: questa associazione quest’anno ha raggiunto i vent’anni di età ha visto passare migliaia di giovani: di destra, di sinistra, apolitici, cattolici, laici e la maggior parte sono estimatori di Checco! Tutti folli? Tutti soggiogati dal fascino del male? NO, solo persone senza pregiudizi e preconcetti, che hanno visto un ragazzo portare avanti un’associazione gloriosa, prima e un uomo disinteressato occuparsi del prossimo e della nostra società, poi.  Mah sarà come dice il consigliere Pecchini del PD anzi sicuramente è come dice l’esponente del PD. Perchè loro che non hanno costruito niente e cercano di distruggere il resto, sì che sono un esempio per i giovani d’oggi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.