Tosatto-Bruseghin, una poltrona per due

Il ct della nazionale di ciclismo ha scelto Marzio Bruseghin lasciando Tosatto in panchina

La scelta per il ct della nazionale italiana di ciclismo, Franco Ballerini, non deve essere stata facile. Marzio Bruseghin e Matteo Tosatto se la giocavano alla pari. Due ottimi professionisti per un posto solo. Alla fine l’ha spuntata Bruseghin e Ballerini spiega il perché:  «Dispiace perTosatto, atleta che ci invidiano molte nazionali. Ma a Prato avevo visto Bruseghin fare un’azione che non poteva fare se non stava più che bene. Siccome il percorso di Mendrisio sarà molto duro, occorrono tutti gli uomini più in forma».
Marzio Bruseghin, considerato il saggio del gruppo, non ha parlato con Tosatto. «E’ una persona di animo eccezionale ed è un uomo fondamentale per noi. Se avessero scelto lui al mio posto, non mi sarei sentito sminuito dalla scelta, perché altri pagherebbero oro per averlo in squadra».
Il team azzurro ha molte carte vincenti da giocare: Ivan Basso, Stefano Garzelli (designato da Ballerini quale regista della squadra) e soprattutto Damiano Cunego che alla Vuelta di Spagna ha fatto molto bene  e dimostrato di essere in forma strepitosa. Ci sono, dunque, più uomini che potrebbero vincere anche se Bruseghin ha un suo preferito: «Ballan sta molto bene , ha dimostrato di vincere e di saper vincere».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.