Va via il giudice, slitta ancora la decisione su Caianiello

La decisione sulla richiesta di rinvio a giudizio per tangenti slitterà oltre il 22 settembre per la decisione del gup Chiara venturi di anticipare il suo trasferimento ad Acqui Terme

La decisione sul rinvio a giudizio di Nino Caianiello, uomo forte del Pdl varesino e presidente di Amsc, per quanto riguarda l’inchiesta su presunte tangenti versate dall’imprenditore Leonida Paggiaro a suo favore non verrà presa il 22 settembre come previsto. La giudice per l’udienza preliminare incaricata, Chiara Venturi, verrà trasferita ad Acqui Terme a partire dal 16 settembre. La decisione di anticipare il passaggio al nuovo tribunale sembra cadere a fagiolo perchè giunge a pochi giorni dall’udienza. D’altra parte la giudice si era già detta non in grado di decidere in quanto era stata già coinvolta nella decisione sul rinvio a giudizio di Bossi, Motta e Papa per l’inchiesta Lolita ma il presidente del tribunale Mazzeo le aveva rimesso in mano l’incarico. A fronte delle eccezioni che i legali di Caianiello avrebbero potuto sollevare la giudice ha evitato di attendere fino al 22 per il trasferimento. La decisione sul rinvio a giudizio interessava sia Nino Caianiello che l’architetto Michele Miano, i due avrebbero, secondo la procura, intascato una tangente da 400 mila euro per favorire la costruzione di un centro commerciale a Gallarate. L’inchiesta era poi passata dal pm Cristiana Roveda al collega Roberto Pirro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 settembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.