A Cassano i corsetti fanno bene al pianeta

La Venus Intimo ha installato uno dei pannelli solari più grandi della provincia

Le buone idee sono quelle che fanno risparmiare, specialmente in tempo di crisi. Se poi il risparmio va tutto a vantaggio dell’ambiente, allora rasentiamo la perfezione. Questa lezione arriva da un numero sempre maggiore di piccole e medie imprese, che scelgono sempre più frequentemente l’installazione di pannelli solari.

Uno dei più grandi pannelli solari della provincia, tra quelli installati in aziende private, è stato posato recentemente in una coresetteria di Cassano Magnago, la Venus Intimo. L’azienda ha deciso di passare al fotovoltaico per ottimizzare i costi e ridurre ulteriormente gli sprechi. A fronte di consumi pari a circa 22.000 kWh l’anno per una spesa totale indicativa di 4.400 euro, Venus Intimo ha installato, grazie alla consulenza dell’installatore Solarcentury, un impianto con tegole solari fotovoltaiche architettonicamente integrate da 12,4 kWp, in grado di produrre almeno13.000 kWh l’anno, pari a oltre il 65% del fabbisogno complessivo. In tal modo, inoltre, la dittasi prende cura dell’ambiente, evitando l’emissione in atmosfera di circa 12 tonnellate di CO2 l’anno.

Questo impianto consentirà a Venus Intimo di risparmiare circa 2.600 euro sulla bolletta ogni anno e di ottenere, grazie anche alle tariffe previste dal Conto Energia per i sistemi architettonicamente integrati, un beneficio economico annuale totale di oltre 6.000 euro.

Non solo, dunque, Lombardia virtuosa ma anche alcune province, come quella di Varese che – secondo i dati del Gestore della Rete – mostra una buona sensibilità nei confronti del solare fotovoltaico: ad oggi sono stati realizzati, infatti, 651 impianti per una potenza media di 8 kWp.
A oggi in Italia oltre 1.800 aziende hanno installato impianti di taglia compresa tra i 10 e i 15 kWpcon una media di 80 realizzazioni al mese, dato in costante crescita. La Lombardia guida la classifica virtuosa italiana con 282 installazioni completate ad oggi, contro le 179 dell’Emilia Romagna, le 162 del Trentino, le 147 di Toscana e Veneto e le 124 della Puglia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.