Agesp replica: «Solo un dipendente del comune ci ha detto no»

L'amministratore delegato Paola Reguzzoni precisa che gli altri sei sono stati ricollocati in settori dell'amministrazione dove erano presenti posizioni vacanti

Paola Reguzzoni, amministratore delegato di Agesp Servizi, replica a quanti sostengono che i dipendenti del Comune non hanno voluto passare sotto il comando della società multiservizi. Dei sette dipendenti che nella delibera di giunta vengono indicati come persone che hanno optato per rimanere sotto il comando dell’amministrazione, solo uno non ha voluto passare ad Agesp: «Per quanto riguarda la posizione degli altri sei – afferma la Reguzzoni – non siamo neanche arrivati a discutere di un passaggio di comando in quanto fanno parte di un settore che non è ancora stato trasferito alla società della quale sono amministratore delegato. Si tratta di dipendenti che, per motivi diversi, sono stati ricollocati spontaneamente dall’amministrazione».

Quei sei dipendenti sono stati ricollocati all’interno della pianta organica dell’amministrazione per coprire posizioni vacanti o perchè troppo vicini alla pensione su iniziativa stessa del comune. L’a.d. di Agesp sottolinea inoltre che, probabilmente, non sarà necessario ricorrere all’assunzione di altro personale per coprire i posti mancanti in quanto «all’interno di Agesp esistono le risorse per poter sopperire ai dipendenti che non sono passati di comando – sottolinea – senza aumentare i costi ma semplicemente ricorrendo agli straordinari, che in comune sono bloccati, oppure spostando lavoratori in esubero all’interno della stessa azienda. Ribadisco, infine, che per l’amministrazione l’esternalizzazione della gestione di questi settori comporterà un risparmio e non un aggravio di spese».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.