Allo studio un accordo di libero scambio tra Cina e Svizzera

Ne hanno discusso in un incontro il ministro del commercio cinese Chen Deming e la consigliera federale Doris Leuthard

Il ministro del commercio cinese Chen Deming e la consigliera federale Doris Leuthard hanno deciso oggi a Ginevra di avviare uno studio congiunto al fine di esaminare la fattibilità di un accordo di libero scambio tra Cina e Svizzera inteso come ulteriore promozione dei rapporti economici tra i due Paesi.

Lo studio di fattibilità avviato da Cina e Svizzera esaminerà tematiche tipiche degli accordi di libero scambio quali il commercio di prodotti e servizi, gli investimenti e altre possibili aree di cooperazione. Il gruppo di studio congiunto presenterà risultati e conclusioni ai ministri competenti, nell’ottica di offrire suggerimenti a entrambi i governi sull’opportunità di intavolare negoziati finalizzati alla conclusione di un accordo di libero scambio tra Cina e Svizzera.
 
Entrambi i ministri si sono oggi detti soddisfatti dei risultati dei due workshop sullo scambio industriale in vista di un accordo di libero scambio Cina-Svizzera, tenutisi a Pechino e Berna nel corso di quest’anno. I due workshop hanno incrementato la comprensione reciproca di quanto siano complementari le due economie e delle opportunità e sfide connesse ad un aumento degli scambi economici e della cooperazione derivanti da un accordo di libero scambio.
 
I workshop si sono tenuti in seguito all’incontro svoltosi a Berna il 27 gennaio 2009 tra il premier cinese WEN Jiabao e il presidente della Confederazione Hans-Rudolf MERZ, in occasione del quale si è deciso di costituire un gruppo di studio congiunto Cina-Svizzera al fine di esaminare la fattibilità di un accordo di libero scambio tra la Cina e la Svizzera, inteso come ulteriore promozione dei rapporti economici tra i due Paesi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.