“Battisti ha commesso reati comuni”, dalla corte via libera all’estradizione

A Roma, la notizia della prima sentenza della Corte è stata accolta con un lungo applauso nella Camera dei deputati. Tutti i deputati hanno applaudito lungamente in tutti i settori dell'emiciclo

Il Tribunale supremo brasiliano si è espresso: Cesare Battisti potrà essere estradato in Italia. Ora la decisione finale passa nelle mani del presidente Lula, dopo di che il detenuto sarà trasportato nel nostro paese.
La scelta della corte è stata dettata dal fatto che Battisti avrebbe commesso «crimini comuni» e non «politici», e pertanto può essere ricondotto in Italia dove lo aspetta la pena prevista dalla giustizia italiana.
A Roma, la notizia della prima sentenza della Corte è stata accolta con un lungo applauso nella Camera dei deputati. Tutti i deputati hanno applaudito lungamente in tutti i settori dell’emiciclo dopo l’annuncio del deputato Massimo Corsaro.
Già a margine della conferenza mondiale della Fao il presidente Berlusconi si era intrattenuto con il presidente brasiliano Lula e aveva velocemente affrontato l’argomento poiché era già previsto il pronunciamento della corte. Come detto ora l’ultimo via libera spetterà proprio a Lula.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.