Cucina creativa senza dimenticare la tradizione

Intervista a Matteo Pisciotta, chef del ristorante Luce a Villa Panza





Classe 1974, giovane chef alla continua ricerca di nuove tecniche culinarie senza dimenticare i piatti più tradizioni, Matteo Pisciotta è il “capo-brigata” del ristorante Luce, aperto al pubblico a Villa Panza dal 1 dicembre 2009.

Un punto di ristoro in una delle ville più belle di Varese, Luce si propone di offrire novità anche in campo culinario?
«Il mio concetto di ristorazione è a 360°, ovvero ridare alla parola ristorazione il senso più profondo della parola. Luce accoglierà i clienti in un luogo meraviglioso che per me è cornice ideale»

Matteo Pisciotta definisce la sua “cucina creativa d’avanguardia” dove anche il piatto più semplice può stupire.

Qual è il tuo piatto forte?
«A me piace la cucina semplice. E credo che se riesci a stupire con un uovo fritto sei sulla buona strada. La mia ricerca non preclude alcun ingrediente e tipo di lavorazione, ovviamente sempre con lo scopo di realizzare qualcosa di buono e piacevole al palato».

Il nome luce, ovviamente ricorda i capolavori della collezione Panza?
Non potevamo dimenticare il contesto in cui siamo. Luce dunque ci sembrava un nome semplice ma significativo. All’inizio l’idea era un altra che è diventato poi il titolo della degustazione particolare in menù».

Cosa troverà il pubblico?
«Il ristorante offrirà un servizio bristrot a pranzo, con piatti light e veloci, mentre la sera il ristorante avrà un servizio più attento e scrupoloso con un cucina di ricerca, senza dimenticare l’attenzione alla tradizione e ai piatti tipici».

Quanto si potrà spendere?
«Credo che la buona cucina non deve avere per forza prezzi inaccessibili. Il menù alla carta va da piatti da 9 a 22 euro. Si potrà mangiare anche una semplice spaghettata aglio, olio e peperoncino».

Da quante persone è composta la brigata?
«In cucina ci sono cinque cuochi più un pasticcere, due persone in sala in sommelier e metre».




di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.